Tutti gli articoli relativi a
Mt 13,54-58


Mt 13,54-58

Sii laborioso

Sii laborioso

Venerdì III Settimana di Pasqua Col 3, 14-15.17.23-24      Sal 89    Mt 13,54-58 San Giuseppe lavoratore, memoria facoltativa Il Signore Gesù si è incarnato per dare testimonianza alla verità e per servire, e non per cercare il consenso degli uomini. Ci insegna a porre lo sguardo sulla Beatitudine eterna che ci attende, e ad operare con generosità e fiducia per il Regno di Dio, al di là del riconoscimento che ci… Continua

Mt 13,54-58

Non è il figlio del falegname?

Non è il figlio del falegname?

Mercoledì II Settimana di Pasqua San Giuseppe Lavoratore Gen 1,26-2,3   Sal 89   Mt 13,54-58 Questo episodio anticipa il rifiuto che Gesù riceverà poi dal suo popolo e dal mondo … E lì non fece molti prodigi. I miracoli, i cambiamenti importanti, insomma l’opera di Dio nella mia vita, si realizza con la collaborazione della mia fede. Certo, l’azione è solo di Dio. Ma l’incredulità e la tiepidezza impediscono quest’opera, la bloccano. Lì… Continua

Mt 13,54-58

Credi e non dubitare

Venerdì XVII Settimana Tempo Ordinario Ger 26,1-9           Sal 68        Mt 13,54-58 L’ammirazione che esterniamo verso qualcuno non è sempre segno di un sentimento buono. Può accadere che dietro questa si possa nascondere un po’ di competizione o addirittura invidia. La fama che accompagnava Gesù spinge tutti ad ascoltarlo. Gesù si attribuisce il titolo messianico e, nella sinagoga, fedeli e rabbini lo ammirano per i suoi insegnamenti e si fanno… Continua

Mt 13,54-58

Impegno provvidenziale

Impegno provvidenziale

Martedì V Settimana di Pasqua Col 3,14-15.17.23.24        Sal 89      Mt 13,54-58 San Giuseppe lavoratore, memoria Nella Costituzione Pastorale Gaudium et spes (34), si dice riguardo il lavoro: “Gli uomini e le donne, […] possono a buon diritto ritenere che con il loro lavoro prolungano l’opera del Creatore, si rendono utili ai propri fratelli e donano un contributo personale alla realizzazione del piano provvidenziale di Dio nella storia”. Ora, guardiamo a San Giuseppe che,… Continua

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio