Il Santorale Francescano

La Parola di Dio è faccenda “da compagnia”. In compagnia della Chiesa, che ce l’ha trasmessa. In compagnia di tanti cristiani che, anche a proprio rischio, la leggono, la meditano e cercano di viverla. In compagnia di tanti santi: come sant’Antonio di Padova, che ad essa ha dedicato tutto se stesso, e la sua lingua, o come san Francesco, che se l’è trovata impressa nella carne! Come santa Chiara, che ne ha fatto la regola della vita sua e delle sue sorelle a S. Damiano. Come tanti santi francescani, frati, suore, laici: conoscerli ce li rende compagni di strada, giorno per giorno, possibilità concreta per noi di una vita vissuta per Dio e i fratelli. In una santità che trascina con sé tutto il “peso” della nostra carne, della nostra storia, dei nostri sogni e delle nostre fatiche. Come le belle illustrazioni di Luca Salvagno ci mostrano…

Pio X, papa e francescano secolare (1835-1914), santo

Giuseppe Sarto, nato a Riese (Treviso) nel 1835 in seno a una povera famiglia contadina, deve fare grandi sacrifici per inseguire il sogno di diventare prete, che realizza nel 1858 con l’ordinazione sacerdotale nel seminario di Padova. Dopo esperienze pastorali come cappellano, parroco e direttore spirituale nel Seminario di Treviso, è eletto vescovo di Mantova e poi patriarca di Venezia. Come pastore ha tra le sue principali preoccupazioni l’istruzione catechistica dei fanciulli, la formazione dei seminaristi e il ripristino della vita religiosa. Sostiene i cattolici tornati a far politica dopo il divieto di Pio IX. Il tutto accompagnato da carità e attenzione ai poveri. Eletto Papa nel 1903, prosegue il programma pastorale pubblicando il «catechismo» per i fanciulli e rinnovando i seminari. Detta inoltre norme rigorose per le ordinazioni sacerdotali, riforma il codice di diritto canonico, rinnova la liturgia e contrasta vivacemente il modernismo, che condanna nella enciclica Pascendi. Muore alla vigilia della prima guerra mondiale di cui presagisce il tragico avvicinarsi.
AgostoLuglioSettembre
Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio