“la fine” o “il fine”?

“la fine” o “il fine”?

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «In quei giorni, dopo quella tribolazione, il sole si oscurerà, la luna non darà più la sua luce, le stelle cadranno dal cielo e le potenze che sono nei cieli saranno sconvolte. Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire sulle nubi con grande potenza e gloria. Egli manderà gli angeli e radunerà i suoi eletti dai quattro venti, dall’estremità della terra fino all’estremità… Continua

Amore e vigilanza

Venerdì XXXII Settimana del Tempo Ordinario 2Gv 1,3-9   Sal 118      Lc 17,26-37 Le parole di San Giovanni ci invitano all’amore e alla vigilanza, atteggiamenti necessari per accogliere la presenza e la venuta del Signore. Non possiamo vivere senza un fine. La preghiera, il discernimento e la volontà, ci illuminano per raggiungerlo. Ci aiutano a conservare man mano, con pazienza, i risultati raggiunti, come ci insegna anche Santa Chiara. È importante… Continua

La terza lettera di santa Chiara a santa Agnese: il digiuno

La terza lettera di santa Chiara a santa Agnese: il digiuno

Nella terza lettera che Chiara scrive ad Agnese di Praga (dell’anno 1238) si parla del digiuno, probabilmente rispondendo ad una richiesta esplicita di Agnese. Dal digiuno si passa poi a un contenuto molto sostanzioso! La «Formula vitae» data dal card. Ugolino, prescriveva il digiuno perpetuo; Agnese chiede come a S. Damiano viene vissuto. Chiara risponde in maniera esplicita in riferimento alla domanda che le è stata posta. A noi che… Continua

Occhi indagatori o cuore sapiente?

Giovedì XXXII Settimana del Tempo Ordinario Fil 1,7-20   Sal 145    Lc 17,20-25 Al tempo di Gesù, i giudei attendevano l’inizio definitivo del potere regale di Dio sulla terra. Si facevano ipotesi, naturalmente false, sul luogo fisico in cui questo sarebbe avvenuto. Il regno, dice Gesù ai farisei, non è qualcosa che attira l’attenzione. Questo verbo, nelle varie traduzioni, esprime sempre il senso di un’osservazione minuziosa e indagatrice. Lo stesso verbo… Continua

Laudato sii, mi’ Signore

Mercoledì XXXII Settimana del Tempo Ordinario Tt 3,1-7     Sal 22   Lc 17,11-19 Ciò che Gesù nota e benedice nell’uomo samaritano, è la sua capacità di ritornare indietro a lodare Dio per l’opera che ha compiuto in lui. Ci sono dei cambiamenti belli, delle guarigioni nella nostra vita, che rischiano di passare inosservate al nostro sguardo distratto. A volte è più facile soffermarsi su ciò che manca, piuttosto che su ciò… Continua

Sorores reclusae. Spazi di clausura e immagini dipinte in Umbria fra XIII e XIV secolo

Sorores reclusae. Spazi di clausura e immagini dipinte in Umbria fra XIII e XIV secolo

Lo studio di Emanuele Zappasodi si distingue per l’ampio respiro geografico e la capacità di ricostruire il ruolo degli spazi conventuali occupati dalle donne all’interno del vasto movimento penitenziale nato tra il XII e XIII secolo. Lo status di reclusione delle monache – dette nella Tuscia pinzochere e bizzoche, nello spoletino incarcerate o encarcerate, altrove pauperes dominae o sorores minores – sarebbe stato messo a fuoco progressivamente dalle azioni del… Continua

Accresci in noi la fede

Lunedì XXXII Settimana del Tempo Ordinario Tt 1,1-9           Sal 23             Lc 17,1-6 San Giosafat, memoria Nella comunità siamo affidati gli uni agli altri, ciascuno deve farsi carico della salvezza dei fratelli. Ecco il perché del severo avvertimento: “State attenti a voi stessi!”. Nessuno dei discepoli di allora e di oggi, è protetto dal rischio di dare scandalo, nessuno di noi può ritenersi “al sicuro” una volta per tutte. L’amore vicendevole… Continua

Domenica 11 novembre 2018, XXXIIª TEMPO ORDINARIO

Domenica 11 novembre 2018, XXXIIª TEMPO ORDINARIO

Dal Vangelo Marco 12,38-44 In quel tempo, Gesù [nel tempio] diceva alla folla nel suo insegnamento: «Guardatevi dagli scribi, che amano passeggiare in lunghe vesti, ricevere saluti nelle piazze, avere i primi seggi nelle sinagoghe e i primi posti nei banchetti. Divorano le case delle vedove e pregano a lungo per farsi vedere. Essi riceveranno una condanna più severa». Seduto di fronte al tesoro, osservava come la folla vi gettava… Continua

due per uno

due per uno

In quel tempo, Gesù [nel tempio] diceva alla folla nel suo insegnamento: «Guardatevi dagli scribi, che amano passeggiare in lunghe vesti, ricevere saluti nelle piazze, avere i primi seggi nelle sinagoghe e i primi posti nei banchetti. Divorano le case delle vedove e pregano a lungo per farsi vedere. Essi riceveranno una condanna più severa». Seduto di fronte al tesoro, osservava come la folla vi gettava monete. Tanti ricchi ne… Continua

Quale padrone?

Quale padrone?

Sabato XXXI Settimana del Tempo Ordinario Fil 4,10-19      Sal 112    Lc 16,9-15 La questione fondamentale al centro del Vangelo di oggi è: in chi scelgo di credere? Gesù più volte si pronuncia contro la ricchezza materiale, in quanto essa può facilmente ingannare. Noi uomini siamo creature, fragili per costituzione, e il nostro bisogno di sicurezza può facilmente portarci a credere che le sicurezze materiali siano la cosa più importante. Non… Continua

Non più tempio, ma santuario

Venerdì XXX Settimana del Tempo Ordinario 1Cor 3,9-11.16-17          Sal 45         Gv 2,13-22 Dedicazione della Basilica Lateranense (madre di tutte le chiese dell’Urbe e dell’Orbe), Festa. Gesù sta andando a Gerusalemme e, trovando persone che non pregano ma che commerciano, compie un atto profetico, di purificazione, rompendo con la tradizione. Rovescia tutto il commercio perché la casa del Padre non deve essere un emporio, un luogo di guadagno. Si arrabbia… Continua

Le parabole del cuore di Dio

Le parabole del cuore di Dio

Giovedì XXXI Settimana del Tempo Ordinario Fil 3,3-8    Sal 104   Lc 15,1-10 “Si avvicinavano a Lui…”. Questi pubblicani e peccatori non sono uomini felici né soddisfatti di sé stessi, ma attendono un cambiamento. Per questo vanno ad ascoltare Gesù. Capiscono che con lui possono cambiare, trovare salvezza, bellezza e senso per la loro vita. E succede che quando qualcuno cerca il Signore con sincerità, lui sempre si lascia incontrare! Ecco… Continua

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio