Mt 3,13-17

Domenica 12 gennaio 2020, BATTESIMO DEL SIGNORE

Domenica 12 gennaio 2020, BATTESIMO DEL SIGNORE

Dal Vangelo

Matteo 3,13-17
In quel tempo, Gesù dalla Galilea venne al Giordano da Giovanni, per farsi battezzare da lui. Giovanni però voleva impedirglielo, dicendo: «Sono io che ho bisogno di essere battezzato da te, e tu vieni da me?». Ma Gesù gli rispose: «Lascia fare per ora, perché conviene che adempiamo ogni giustizia». Allora egli lo lasciò fare. Appena battezzato, Gesù uscì dall’acqua: ed ecco, si aprirono per lui i cieli ed egli vide lo Spirito di Dio discendere come una colomba e venire sopra di lui. Ed ecco una voce dal cielo che diceva: «Questi è il Figlio mio, l’amato: in lui ho posto il mio compiacimento».

Dalle Fonti

1 Celano 10-11: FF 336-337
Con calde lacrime implorava Dio che lo liberasse dalle mani di chi perseguitava la sua anima (Sal 108,31; 141,7-8) e gli concedesse la grazia di compiere i suoi voti. Nel digiuno e nel pianto invocava la clemenza del Salvatore e, diffidando di se stesso, poneva tutta la sua fiducia in Dio. Benché chiuso in quel rifugio tenebroso, si sentiva inondato da indicibile gioia, mai provata fino allora. Animato da questa fiamma interiore, decise di uscire dal suo nascondiglio ed esporsi indifeso alle ingiurie dei persecutori. Si leva prontamente e di scatto, pieno di zelo e di letizia, si munisce dell’armatura necessaria per le battaglie del Signore: lo scudo della fede e un grande coraggio, e s’incammina verso la città, accusandosi, nel suo divino entusiasmo, di essersi attardato troppo per viltà.

Alla vita

«Tu sei il Figlio mio, l’amato». Che tutti noi possiamo ascoltare queste parole come fossero dette a ciascuno con tutta la tenerezza e la forza che l’amore può avere. Tante voci ci dicono o insinuano il contrario: «Tu sei sbagliato!», «Tu non sei capace!», «Tu non vali niente!», «Tu non sei desiderabile!», «Tu non sei buono!», «Tu sei brutto!», «Tu sei indegno!», ecc. A volte ce lo gridano esplicitamente, altre volte indirettamente. Pensiamo ai messaggi pubblicitari. Cosa ti dicono? Se non hai quell’auto che uomo sei? Se non hai quelle forme, che donna sei? Se non fai quel tipo di vacanza oppure se non vesti in un determinato modo o se non hai quell’aspetto non puoi essere amabile. Cioè ti fanno passare l’idea che tu non hai una amabilità in te stesso, ma dipende da qualcosa di esterno che acquisti o fai. Invece la Parola che cala su Gesù al Battesimo ci ricorda che c’è un’amabilità dentro di noi che non dipende da nulla di esterno a noi e nemmeno da ciò che possiamo fare. Ci precede, ce la troviamo addosso, anzi dentro semplicemente per il fatto che siamo creature di Dio. Bellissimo! Dio pronuncia su di te, in particolare nel tuo battesimo questa Parola: «Tu sei il Figlio mio, l’amato». Tutto tu sei in questa Parola! Tutto tu fai avvolto in questa Parola! «Tu sei il Figlio mio, l’amato».

Momenti Francescani
ARTICOLO DI: Momenti Francescani

“Momenti Francescani: La Parola nella Parole E’ la prima testata periodica edita in Italia a proporre la lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un brano delle Fonti Francescane e ad una breve attualizzazione. Perché la scelta di questo format editoriale? Il Vangelo non per particolari motivazioni liturgiche, ma per seguire una pagina del “Breviario/evangeliario” di San Francesco in cui Frate Leone annotava come il santo avesse una particolare predilezione per questa lettura quotidiana. E le Fonti? Grande tesoro ancora a molti sconosciuto, oggi rappresentano un valido strumento per la conoscenza della figura storica, “psicologica” e spirituale di S. Francesco, oltre che della vita delle prime comunità francescane. Per l’uomo contemporaneo rappresentano ancora una finestra che permetta un respiro più ampio e una risposta alle sue istanze. Viene anche proposta un’attualizzazione per ogni giorno, concepita come cuneo capace di scardinare le posizioni del cuore dell’uomo odierno a volte indurito e “zoppicante.” L’opera si rivolge agli appartenenti all’Ordine Francescano Secolare d’Italia, ai membri dell’intera Famiglia Francescana, e a tutti coloro che sono attirati dalla ricchezza e dalla profondità del Vangelo e della spiritualità francescana. Momenti Francescani è edita dalla Cooperativa sociale francescana di multiservizi Fratelli è possibile – F. è P. è nata nel 2006 dall’ispirazione di tutta la Fraternità dell’Ordine Francescano Secolare di Cesena come emanazione sociale legata alla propria intrinseca vocazione.”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio