Mc 3,31-35

Chi è mai questo re?

Chi è mai questo re?

Martedì III settimana Tempo ordinario
2Sam 6,12-15.17-19   Sal 23   Mc 3,31-35
San Tommaso d’Aquino sacerdote e dottore, memoria

Le letture di oggi e la memoria che celebriamo possono essere collegate da una domanda: cosa vuol dire cercare il Signore? Come cerco il Signore?
Nel Vangelo Gesù è cercato da chi è seduto attorno a lui per lasciarsi ammaestrare. Lo cerca anche Maria, che è colei che ascolta, custodisce e mette in pratica la Parola.
San Tommaso lo ha cercato nella preghiera che gli ha donato quell’intelligenza vera, acuta, che proviene dalla sapienza di Dio. Lo studio per lui aveva il gusto della conoscenza dello splendore della creazione.
Vediamo poi Davide, nella prima lettura, che danza con tutte le forze davanti al Signore, lo cerca e lo celebra anche con il proprio corpo, con passione. È una gioia condivisa con il popolo, assieme al quale colloca al suo posto l’arca di Dio.

Possiamo rimanere oggi con la domanda su cosa voglia dire per me cercare il Signore, fare nostra nella preghiera la domanda del salmista: chi è mai questo re della gloria? (Sal 23)

 

Donaci, o Padre, l’umiltà di cercarti sempre.

 

Dalla Vita seconda di Tommaso da Celano  [FF 648]

Insegnava a cercare nei libri la testimonianza del Signore, non il valore materiale; l’edificazione non la bellezza. In ogni caso voleva che se ne avessero pochi e fossero sempre a disposizione dei frati che ne avessero bisogno. Un ministro gli chiese licenza di tenere alcuni libri lussuosi e molto costosi. Si sentì rispondere: “Per i tuoi libri non voglio perdere il libro del Vangelo, che ho promesso di osservare. Tu farai come vorrai, ma non voglio che stendi un tranello con il mio permesso”.

Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio