Domenica 1 dicembre 2019, I DI AVVENTO

Domenica 1 dicembre 2019, I DI AVVENTO

Dal Vangelo

Matteo 24,37-44
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Come furono i giorni di Noè, così sarà la venuta del Figlio dell’uomo. Infatti, come nei giorni che precedettero il diluvio mangiavano e bevevano, prendevano moglie e prendevano marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca, e non si accorsero di nulla finché venne il diluvio e travolse tutti: così sarà anche la venuta del Figlio dell’uomo. Allora due uomini saranno nel campo: uno verrà portato via e l’altro lasciato. Due donne macineranno alla mola: una verrà portata via e l’altra lasciata. Vegliate dunque, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà. Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora della notte viene il ladro, veglierebbe e non si lascerebbe scassinare la casa. Perciò anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo».

Dalle Fonti

Leggenda di Santa Chiara 62: FF 3278
Era vicino l’anniversario del suo passaggio al Signore, trascorsi due anni dalla sua morte, quando, convocata una moltitudine di prelati e di tutto il clero e premesso un discorso, il felice Alessandro IV, cui il Signore aveva riservato questa grazia, tra grande moltitudine di folla ascrisse riverentemente Chiara al novero dei santi e stabilì che in tutta la Chiesa se ne celebrasse solennemente la festa, che egli per primo con tutta la Curia celebrò nella più grande solennità. Tutto ciò avvenne ad Anagni nella cattedrale, nell’anno 1255 dall’Incarnazione del Signore e primo del Pontificato del signore Alessandro: a lode del nostro Signore Gesù Cristo, che vive e regna con il Padre e lo Spirito Santo nei secoli dei secoli. Amen.

Alla vita

Comincia oggi il tempo di Avvento e mentre le vetrine e la pubblicità catturano la nostra attenzione sull’aspetto più commerciale del Natale, Gesù ci invita a riflettere sulla fine della nostra vita terrena. Come un buon pedagogo, non teme di parlarci dell’evento più tremendo ed angosciante che è la morte; evento ineludibile, come un diluvio di fronte al quale tutto viene inghiottito, con la separazione dagli affetti e dalle relazioni, senza una spiegazione apparentemente logica, un momento inatteso ed ingiusto come una rapina. Ma non lasciamoci ingannare, Gesù ci annuncia che proprio in quel momento Lui verrà (e lo ripete quattro volte). Nella crudeltà della morte Gesù è entrato davanti e prima di noi, ne ha scardinato le porte, disperso il bottino. E quando anche noi oggi, per invidia del diavolo, ne facciamo esperienza, incontriamo il Figlio dell’uomo, re e Signore sulla morte. I santi, come Chiara, ce lo testimoniano. Ricordo una mia consorella, ormai anziana, davvero una donna di Dio, che attraverso la malattia e le prove della vita aveva imparato tanto abbandono e tanta mitezza, che diceva: “Per me il Signore non verrà come un ladro, perché io lo aspetto sempre”.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Momenti Francescani
ARTICOLO DI: Momenti Francescani

“Momenti Francescani: La Parola nella Parole E’ la prima testata periodica edita in Italia a proporre la lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un brano delle Fonti Francescane e ad una breve attualizzazione. Perché la scelta di questo format editoriale? Il Vangelo non per particolari motivazioni liturgiche, ma per seguire una pagina del “Breviario/evangeliario” di San Francesco in cui Frate Leone annotava come il santo avesse una particolare predilezione per questa lettura quotidiana. E le Fonti? Grande tesoro ancora a molti sconosciuto, oggi rappresentano un valido strumento per la conoscenza della figura storica, “psicologica” e spirituale di S. Francesco, oltre che della vita delle prime comunità francescane. Per l’uomo contemporaneo rappresentano ancora una finestra che permetta un respiro più ampio e una risposta alle sue istanze. Viene anche proposta un’attualizzazione per ogni giorno, concepita come cuneo capace di scardinare le posizioni del cuore dell’uomo odierno a volte indurito e “zoppicante.” L’opera si rivolge agli appartenenti all’Ordine Francescano Secolare d’Italia, ai membri dell’intera Famiglia Francescana, e a tutti coloro che sono attirati dalla ricchezza e dalla profondità del Vangelo e della spiritualità francescana. Momenti Francescani è edita dalla Cooperativa sociale francescana di multiservizi Fratelli è possibile – F. è P. è nata nel 2006 dall’ispirazione di tutta la Fraternità dell’Ordine Francescano Secolare di Cesena come emanazione sociale legata alla propria intrinseca vocazione.”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio