Mt 9,35-10,1.6-8

Amati e mandati

Sabato I Settimana di Avvento
Is 30,19-21.23-26 Sal 147 Mt 9,35 – 10,1.6-8
Sant’Ambrogio vescovo e dottore della Chiesa, memoria

Il Signore corregge e ha compassione, perché il suo desiderio è la salvezza dell’uomo. Così Dio si fa presente con la sua vicinanza, come un maestro che corregge e come un pastore che ha compassione per le pecore sperdute. E anche se la correzione spesso ha un sapore amaro, il Signore è un maestro buono, che vede in noi il bene che possiamo ancora compiere e ci istruisce perché possiamo crescere. Lui è lì con noi quando facciamo fatica, ci corregge suggerendoci la strada per rialzarci, incoraggiandoci con la sua parola buona, pronto a rispondere al nostro grido di aiuto. E mentre ci consola e ci corregge, ci chiama a fare dono di noi stessi, restituendo quanto abbiamo ricevuto e ancora e sempre abbiamo bisogno di ricevere, con la gioia e la gratitudine di chi si riconosce sostenuto e amato.

Tu Signore che ci doni la vita, fa che sappiamo anche noi donarci con gioia per amore tuo

Dalla Vita seconda di Tommaso da Celano [FF 761]
Dimostrava una grande compassione per gli infermi e una tenera sollecitudine per le loro necessità. Se a volte la bontà dei secolari gli mandava qualche elettuario, lo regalava agli altri ammalati, mentre ne aveva bisogno più di tutti. Faceva proprie le loro sofferenze e li consolava con parole di compassione, quando non poteva recare loro soccorso[…]. Tuttavia ammoniva i sofferenti a sopportare pazientemente le privazioni e a non gridare allo scandalo, se non erano soddisfatti in tutto.

Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio