Chiarezza della meta

Chiarezza della meta

Mercoledì XXXIV Settimana del Tempo ordinario
Dn 5,1-6.13-14.16-17.23-28     Dn 3,62-67    Lc 21,12-19

Gli dèi a cui si affida il re Baldassàr non vedono, non odono e non comprendono. Il profeta Daniele invece vede e comprende i segni che si manifestano nel palazzo del re. Sa interpretare con chiarezza la scrittura della mano misteriosa, perché conosce la mano di Dio. Quella mano dov’è riposta la vita di ogni uomo e a cui appartengono tutte le sue vie (cfr. Dn 5,23). Daniele ha la chiarezza di chi pone il Signore come meta della sua vita. Sono chiari per lui i segni del cielo, perché ha chiaro in chi ha posto la sua fiducia. Anche dal Vangelo ci viene donata una luce consolante, che splende proprio in mezzo alle prove della vita. Ci viene detto quale sarà la sorgente della nostra forza: avremo parola e sapienza se la nostra meta sarà il Signore, se ci affideremo con fiducia alla sua mano potente. Quando è chiara la meta, abbiamo il coraggio di affrontare anche le avversità. Conoscere e seguire con perseveranza la meta, infatti, ci fa fortissimi.

Signore, donaci di essere liberi e perseveranti nel tuo volere.

Dalla seconda Lettera di Chiara ad Agnese [FF 2875]
Memore del tuo proposito, come una seconda Rachele, sempre vedendo il tuo principio, ciò che hai ottenuto, tienilo stretto, ciò che stai facendo, fallo e non lasciarlo. Ma con corsa veloce, passo leggero e senza inciampi ai piedi, così che i tuoi passi non raccolgano nemmeno la polvere, sicura, gioiosa e alacre avanza cautamente sul sentiero della beatitudine.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio