Lo Spirito trasforma

Lo Spirito trasforma

Martedì XXX Settimana del Tempo ordinario
Rm 8,18-25   Sal 125   Lc 13,18-21

Il lievito non rimane lievito, il seme non rimane seme. Entrambi muoiono e, morendo, si trasformano in buon pane e in albero ospitale. Questo è l’unico cammino possibile per la nostra libertà di figli di Dio. Gesù ce lo ha sempre detto: trova la vita chi la perde. Ci attrae, vogliamo vivere da figli di Dio, crediamo che il regno lo costruiamo insieme perdendo la vita reciprocamente. Eppure quante volte constatiamo nelle piccole scelte di ogni giorno che spegniamo questa motivazione per lasciare lo spazio più grande alle nostre attese egoistiche, alle nostre pigrizie, ai nostri giudizi. E poi ci ritroviamo più miseri di prima, perché più schiavi delle nostre piccolezze. Ne soffre la libertà che ci dovrebbe caratterizzare come figli di Dio. Perdere la vita è un cammino, un processo costante di “ardente aspettativa della gloria dei figli”. Come fare per rimanere in questo “cammino” di trasformazione come il lievito e il seme? San Paolo stesso suggerisce, in qualche versetto precedente alla lettura di oggi, che “coloro che sono guidati dallo Spirito di Dio, costoro sono figli di Dio” (Rm 8,14). Se vogliamo, allora, abbiamo questo dono meraviglioso: possiamo chiedere la grazia della docilità allo Spirito Santo, che ci trasforma e ci dà vita, ci rimette in cammino quando lo perdiamo.

Donaci, o Padre, il tuo Spirito di forza e di umiltà.

Dalla seconda Celano [FF 779]
Presso Dio – diceva – non vi è preferenza di persone, e lo Spirito Santo, ministro generale dell’Ordine, si posa egualmente sul povero ed il semplice.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio