Lasciamoci purificare

Lasciamoci purificare

Giovedì XXIX Settimana del Tempo ordinario
Rm 6,19-23     Sal 1   Lc 12,49-53

Gesù sta salendo a Gerusalemme con i suoi discepoli e descrive in pochi versetti il senso della sua morte. La sua morte permette al mondo di ricevere lo Spirito Santo, il dono per eccellenza che ci orienta a relazionarci in modo nuovo.
Il Vangelo ci parla di rapporti famigliari: è la comunità che vive nel conflitto, se rimane legata al passato, al vecchio e non accoglie il nuovo. All’interno di questi conflitti, la presenza del Signore porta ad una relazione nuova, purificata dall’Amore che arde. L’esperienza della presenza e dell’azione di Dio è sentita da Gesù come fuoco che brucia, illumina e riscalda. Il fuoco della Pentecoste è sempre presente dove ci sono relazioni intime, famigliari, dove c’è bisogno di rinsaldare i rapporti, dove si desidera vivere la fraternità.

Gesù, tu sei il “Principe della pace” (Is 9,5). Resta con noi e infondi in ogni comunità cristiana il fuoco del Tuo Spirito, perché si possano vivere relazioni buone e salde.

Dalla Vita Prima di Tommaso da Celano [FF 475]
Simile a un fiume del Paradiso, il nuovo evangelista di questo ultimo tempo, ha diffuso con amorosa cura le acque del Vangelo per il mondo intero, e con le opere ha additato la via e la vera dottrina del Figlio di Dio. Così in lui e per suo merito, il mondo ritrovò una nuova giovinezza e una insperata esultanza, e il virgulto dell’antica religione ha subito rinnovato rami, che erano ormai vecchi e decrepiti. Gli eletti furono riempiti di uno spirito nuovo e dell’abbondanza della grazia, quando questo santo servo di Cristo, come astro celeste, ha irradiato la luce della sua originale forma di vita e dei suoi prodigi.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio