Giù la maschera!

Giù la maschera!

Mercoledì XXVIII Settimana del Tempo Ordinario
Rm 2,1-11   Sal 61    Lc 11,42-46

“Dicendo questo, offendi anche noi!” protestano i farisei, punti sul vivo. La Parola di Gesù, senza mezzi termini, spegne l’orgoglio dell’uomo, richiama ai valori della verità e dell’umiltà. Un sepolcro imbiancato è, per un giudeo, un inganno. Infatti, senza accorgersene, si trova a calpestare qualcosa che, per lui, è impuro e lo contamina. Ma, soprattutto, l’immagine sottolinea il contrasto tra esterno e interno. Come dire, la differenza tra ciò che di “imbiancato”, elegante o piacevole vorremmo mostrare di noi, e ciò che, di più oscuro e molto meno piacevole, c’è realmente dentro. L’ipocrisia è la maschera con cui a volte tentiamo di nascondere le oscurità che ci abitano. Ma le maschere sono motivo di infelicità e minaccia alla vita fraterna. È bello invece sperimentare come le relazioni fraterne possano essere il luogo liberante dove, con semplicità e senza paura, mostro agli altri chi sono realmente. Sono povero. Ma sono figlio, infinitamente amato dal Padre. Solo così posso essere anche un fratello.

Padre buono, la tua misericordia mi accoglie, mi redime, mi dà la certezza di essere amato incondizionatamente. Questo mi fa capace di amare.

Dalle Laudi e Preghiere [FF 276]
O alto e glorioso Dio, illumina le tenebre de lo core mio.
E damme fede diritta, speranza certa e carità perfetta,
senno e cognoscimento,
Signore, che faccia lo tuo santo e verace comandamento.
Amen.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio