Nella casa di Dio per trovare Grazia

Nella casa di Dio per trovare Grazia

Venerdì XXV Settimana del Tempo Ordinario
Ag 1,15-2,9             Sal 42             Lc 9,18-22
San Vincenzo de’ Paoli, memoria

Continua l’esortazione del Signore per bocca del profeto Aggeo. La Sua casa risplenderà e in essa ci sarà la pace! Sì, la casa del Signore è prima di tutto il luogo in cui trovare la Sua pace, frutto dell’Alleanza che offre a coloro che lo accolgono.
È bello avere cura della casa di Dio, perché è la Sua dimora, e perché lì desidera donarsi a noi. Non temiamo, perché il suo Spirito è con noi. Per noi cristiani la chiesa è il luogo in cui, radunandoci, riceviamo Grazia e possiamo lasciarci riempire della Sua Gloria, del Suo Spirito! È il luogo dove possiamo davvero comprendere che Gesù è il Cristo, è Colui che desidera prenderci con sé per salvarci e farci entrare nella sua vita divina.

Signore, per intercessione di San Vincenzo de’ Paoli, donaci di lasciarci riempire della Tua Grazia, per poter servire i fratelli con carità.

Da Specchio di perfezione [FF 1781]
Questo luogo è veramente il santo dei santi, meritatamente stimato degno di grandi onori. Felice è il suo attributo, più felice il suo nome, ed ora il suo cognome è presagio di beneficio. Qui le presenze angeliche irradiano la loro luce, qui sogliono passare le notti facendo risuonare degli inni. Era tutta in rovina e Francesco la restaurò: fu una delle tre chiese che egli stesso rinnovò. Questa scelse il Padre, quando indossò il saio, qui domò il suo corpo, soggiogandolo allo spirito. In questo tempio fu generato l’Ordine dei Minori, mentre una folla di uomini seguiva l’esempio del Padre […] Se talvolta Francesco è sconvolto ed abbattuto qui ritrova pace e il suo spirito si ritempra. Qui viene dimostrato il vero di cui si dubita, e viene concesso tutto quello che il Padre domanda.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio