Al centro per riconoscere il Centro

Al centro per riconoscere il Centro

Lunedì XXIII Settimana del Tempo Ordinario
Col 1,24 – 2,3 Sal 61 Lc 6,6-11

“Fermatevi! Sappiate che io sono Dio”, con queste parole del Salmo 46 possiamo sintetizzare il senso del riposo sabbatico: fermarsi, sì, ma per sapere che Dio è Dio. Fermarsi dunque, e riconoscere che il Signore ci chiama al centro, e si prende cura di noi, perché noi abbiamo bisogno di Lui! Solo in obbedienza a Lui occupiamo quel centro in modo buono e non superbo. Solo in obbedienza a Lui ritroviamo la verità su noi stessi: siamo creature che con il peccato stendono la mano per agire senza Dio e così ci ritroviamo con la mano destra paralizzata, cioè incapaci di fare il bene. Ma Gesù, così come siamo, ci dice: “Alzati e mettiti qui in mezzo”, ci mette al centro del suo operare, si prende cura di noi e ci permette di tornare a stendere la mano, per agire per il bene, in obbedienza a Dio.
Accogliamo il vero senso del riposo sabbatico, quello di dedicare con costanza un tempo per sospendere il nostro agire e riconoscere l’agire di Dio verso di noi, per tornare a Lui ed essere guariti.

Solo in Dio riposa l’anima mia. Lui solo è mia roccia e mia salvezza

Dalla Regola non bollata [FF 60]
Custodiamo attentamente noi stessi, perché, sotto pretesto di qualche ricompensa o di opera da fare o di un aiuto, non ci avvenga di perdere o distogliere la nostra mente e il cuore dal Signore.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio