Vigilanza e volontà

Vigilanza e volontà

Venerdì XVIII Settimana del Tempo Ordinario
Os 2,16.17.21-22      Sal 44     Mt 25,1-13
Santa Teresa Benedetta della Croce, patrona d’Europa, Festa

L’esperienza dell’incontro con il Signore Gesù è prima di tutto personale e questo richiama alla propria responsabilità. Molte volte ci capita di lamentarci perché non ci sentiamo amati, perché non riusciamo a vivere il rapporto con Dio come immaginiamo o come vorremmo. Eppure sappiamo che il Signore ama ognuno di noi in modo unico. Il Vangelo di oggi ci dice che è possibile poterci inserire in questo amore e poter restituire a Lui la nostra vita. Facile lamentarsi; più impegnativo prepararsi! Lampada e olio, due strumenti semplici e preziosi allo stesso tempo, che ci indicano la vigilanza e la possibilità o meno di poter vivere un’esperienza fino in fondo. Tutte le protagoniste del Vangelo hanno le lampade, perciò tutte possono attendere di entrare con lo sposo… Ma solo alcune hanno l’olio che permette loro di entrare. Le prime desiderano, ma in fondo manca loro la concretezza del momento decisivo dell’incontro, dell’unione con Gesù. Le vergini sagge ci insegnano, invece, che gli incontri decisivi con il Signore, necessitano di vigilanza e volontà.

Signore Gesù, sull’esempio di Santa Benedetta della Croce, donaci la Grazia di rafforzare la nostra vigilanza e la nostra volontà per essere pronti all’incontro con Te.

Dalla vita prima di Tommaso da Celano [FF 466]
La sua aspirazione più alta, il suo desiderio dominante, la sua volontà più ferma era di osservare perfettamente e sempre il santo Vangelo e di imitare fedelmente con tutta la vigilanza, con tutto l’impegno, con tutto lo slancio dell’anima e del cuore la dottrina e gli esempi del Signore nostro Gesù Cristo.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio