La responsabilità dell’Amore

La responsabilità dell’Amore

Giovedì XVII Settimana del Tempo Ordinario
Es 40,16-21.34-38      Sal 83      Mt 13,47-53
Alfonso Maria de’ Liguori, Memoria

La rete, per il pesce che viene tirato fuori dall’acqua, ha il significato della morte; invece, simbolicamente, per l’uomo ha il significato della salvezza. L’uomo è tirato fuori dal mare, che in ebraico è tradotto anche come “grandi acque”, luogo popolato da mostri. Il diluvio infatti è simbolo del caos primordiale, della morte, del nulla e del male. Essendo il Regno dei cieli la salvezza di ogni uomo, esso è raccolto dal mare con la rete che, in fondo, è la Chiesa. Questo non significa che basta questo gesto. Infatti il Vangelo ci parla di una cernita di pesci che viene fatta dagli angeli. I buoni sono raccolti, gli altri sono gettati. Ma chi sono i buoni? Sono coloro che si sanno peccatori come tutti, non giudicano nessuno e accolgono gli altri. I buoni sono i giusti, quelli che hanno sperimentato la misericordia di Dio, che sentono la responsabilità e l’impegno di accoglierla e di restituirla a tutti. Aprono il cuore al dono e al perdono comunque, per essere come il Padre.

Signore Gesù, donaci la Sapienza del cuore. Sant’Alfonso Maria intercedi per noi.

Dalla Leggenda dei Tre Compagni [FF1436]
Francesco unitamente a Egidio andò nella Marca di Ancona, gli altri due si posero in cammino verso un’altra regione. Andando verso la Marca, esultavano giocondamente nel Signore. Francesco, a voce alta e chiara, cantava in francese le lodi del Signore, benedicendo e glorificando la bontà dell’Altissimo […] E disse il Santo a Egidio: “Il nostro movimento religioso sarà simile al pescatore, che getta le sue reti nell’acqua e cattura una moltitudine di pesci, poi, lasciando cadere nell’acqua quelli piccoli, ammucchia nelle ceste quelli grossi”. Profetava con questa similitudine l’espansione del suo Ordine.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio