La Grazia del perdono

La Grazia del perdono

Venerdì XVII Settimana del Tempo Ordinario
Sir 24,1-4.22-31      Lc 1,46-55     Gal 4,3-7    Lc 1,26-33
Santa Maria degli Angeli alla Porziuncola, Perdono d’Assisi, Solennità

“Ti saluto piena di grazia … hai trovato grazia presso Dio”, parole piene di stima e di vicinanza! Trovare grazia è trovare la Sapienza e Maria ne è ricolma per opera dello Spirito Santo. La Sapienza si fa trovare ed è sua vocazione elargire i suoi Beni verso coloro che la cercano. Maria ci insegna come la purezza del cuore ci permette di accogliere i Beni che il Signore desidera elargire a piene mani!
La Porziuncola, luogo caro a Francesco, pieno della Grazia e della Sapienza di Dio, abitato in modo privilegiato dagli angeli. Qui, la Grazia e la Sapienza si riversano nei cuori degli uomini attraverso il perdono dei peccati; ma, ancora di più, in questo luogo per il quale Francesco ha chiesto il privilegio dell’indulgenza, ritorniamo integri dopo il pentimento e la penitenza. In questo luogo santo, l’uomo che con umiltà e lo spirito sinceramente contrito si rivolge a Dio, riceve la misericordia, ritrova la virtù e la vita! Accogliamo il dono della misericordia per vivere integri nella pienezza del tempo che ci è data in dono con Gesù.

Maria, insegnaci la via della purezza del cuore per poter riconoscere i nostri peccati e accogliere la Grazia che ci salva!

Dalla Leggenda Maggiore di San Bonaventura [FF 1049]
Riguardo a questo luogo, un frate, a Dio devoto, prima della sua conversione ebbe una visione degna di essere riferita. Gli sembrò di vedere innumerevoli uomini, colpiti da cecità, che stavano attorno a questa chiesa, in ginocchio e con la faccia rivolta al cielo. Tutti protendevano le mani verso l’alto e, piangendo, invocavano da Dio misericordia e luce. Ed ecco, venne dal cielo uno splendore immenso, che penetrando in loro tutti, portò a ciascuno la luce e la salvezza desiderate.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio