La giustizia che sorprende

La giustizia che sorprende

Mercoledì XX Settimana del Tempo Ordinario
San Pio X, Papa
Gdc 9,6-15    Sal 20   Mt 20,1-16

Il Vangelo ci mostra come le nostre logiche siano spesso legate ad una giustizia derivante dalla legge, come dice San Paolo. Siamo invece invitati ad accogliere quella giustizia che deriva dalla fede in Cristo (cfr. Fil 3,7.9). È necessaria una conversione profonda del cuore per non scandalizzarsi della giustizia di Dio, che è sempre sorprendente. È la giustizia della misericordia infinita, che risolleva gli ultimi e perdona i peccatori. La giustizia che predilige gli scartati e dona uno sguardo di tenerezza verso chi è dimenticato. È una giustizia… in perdita, quella di chi dona la vita per amore, come Gesù. Dall’alto della nostra supponenza, a volte, come gli operai della prima ora, protestiamo. Ma se guardiamo con sincerità dentro noi stessi, ci accorgiamo di essere i primi destinatari di questo amore immeritato, sovrabbondante. Siamo noi gli operai che nessuno prende, eppure amati follemente dal Signore, che offre la sua vita per noi.

All’alba, alle nove, a mezzogiorno, alle tre del pomeriggio, alle cinque… Padre buono, tu esci continuamente a cercarci! Fa che sappiamo riconoscerti e seguirti con il tuo stesso amore.

Dalla Regola di Santa Chiara [FF 2811]
E quelle che non sanno di lettere, non si curino di apprenderle, ma attendano a ciò che soprattutto debbono desiderare: avere lo Spirito del Signore e la sua santa operazione, a pregarlo sempre con cuore puro e ad avere umiltà, pazienza nella tribolazione e nella infermità, e ad amare quelli che ci perseguitano, riprendono e accusano, perché dice il Signore: “Beati quelli che soffrono persecuzione a causa della giustizia, poiché di essi è il regno dei cieli.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio