I fratelli e la strada

I fratelli e la strada

Mercoledì XIV Settimana del Tempo Ordinario
Gen 41,55-57;42,5-7a.17-24a    Sal 32    Mt 10,1-7
Santa Veronica Giuliani vergine, Memoria

Ci sono due elementi che rendono questo testo di Matteo così dinamico e vivo: il legame dei discepoli a due a due e l’invito ad annunciare il Vangelo strada facendo. La chiamata di Gesù è certamente una parola unica e irripetibile detta al cuore di ognuno di noi. Ma poi si apre immediatamente a chi ci è vicino, nella concretezza della vita. Matteo in particolare associa i nomi dei discepoli a due a due. Come per dire che l’incontro personale con il Signore Gesù prende vita e porta frutto nelle nostre quotidiane relazioni. Ci è chiesta la disponibilità a camminare insieme agli altri, crescendo nell’amore di Cristo. Saremo allora testimoni di comunione, di un regno che… è già qui. E poi c’è la strada da fare. Non un annuncio statico, aspettando che gli altri vengano da noi. Ma una parola detta strada facendo, camminando, vivendo, andando incontro al mondo. E il mondo, che lo sappia o no, attende l’amore vero, anela alla salvezza, desidera che il cielo sia vicino!

Ma tu, Signore, sei vicino, tutti i tuoi precetti sono veri (Sal 119).

Dalla Leggenda minore di San Bonaventura [FF 1373]
Un’altra volta, mentre quest’uomo di Dio era in viaggio con un compagno, a scopo di predicazione (…) fu sorpreso dal buio e dalle tenebre della notte. La strada era esposta a molti e gravi pericoli (…) Egli disse con molta fiducia: «Dio può bene se piace alla sua cortesia, scacciare il buio e le tenebre e illuminarci con la sua luce benefica». (…) Ed ecco: per l’onnipotenza celeste una grande luce incominciò a risplendere attorno a loro, tanto che, mentre altrove persisteva l’oscurità della notte, essi vedevano distintamente non soltanto la strada, ma anche molte cose tutt’intorno, dall’altra parte del fiume.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio