Spirito fedele

Spirito fedele

Giovedì X Settimana del Tempo Ordinario
Is 61, 1-3 Sal 18   Lc 10,1-9
Sant’Antonio di Padova, sacerdote e dottore della Chiesa

Possiamo dire che davvero lo Spirito era su Antonio di Padova, che ha portato il lieto annuncio, il Vangelo, ai poveri con una grande fecondità. I frutti non sono terminati con la sua morte, anzi… Del resto la Parola è fedele! Il brano di Isaia ci mostra chiaramente l’azione dello Spirito che consola, allieta, cura, dona misericordia… Lo Spirito libera e crea! Tutti siamo prigionieri di tanti condizionamenti, dei nostri modi di fare, delle nostre paure.  E cerchiamo la liberazione. È lo Spirito a donarcela in modo inatteso, in modo paradossale a volte: non risolve i problemi, ma li supera, portandoci a vivere il “di più” di umanità e misericordia.
Così è stato anche nella vita di Sant’Antonio: tutti i suoi progetti sono stati scombussolati. Voleva essere missionario, voleva perfino morire martire e proprio per questo si era imbarcato per andare fra i musulmani. Ma il suo viaggio non raggiunse la meta: invece di sbarcare nei paesi arabi, fu sbarcato fra i cristiani, in Sicilia e poi rimase in Italia. Avrebbe avuto motivo di dirsi deluso.
E invece si santificò dove il Signore lo aveva inaspettatamente piantato: cominciò subito a predicare, ad amare i poveri, a fare il bene che poteva da semplice e appassionato operaio di Gesù.

Insegnaci, o Signore, a vivere il vangelo.

Dalla Vita Prima di Tommaso da Celano [FF 779]
Voleva che l’Ordine fosse aperto allo stesso modo ai poveri e illetterati, e non soltanto ai ricchi e sapienti. «Presso Dio – diceva – non vi è preferenza di persone, e lo Spirito Santo, ministro generale dell’Ordine, si posa egualmente sul povero ed il semplice». Avrebbe voluto inserire proprio questa frase nella Regola, ma non fu possibile perché era già stata confermata con bolla.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio