Domenica 23 giugno 2019, SS. CORPO E SANGUE DI CRISTO

Domenica 23 giugno 2019, SS. CORPO E SANGUE DI CRISTO

Dal Vangelo

Luca 9,11b-17
In quel tempo, Gesù prese a parlare alle folle del regno di Dio e a guarire quanti avevano bisogno di cure. Il giorno cominciava a declinare e i Dodici gli si avvicinarono dicendo: «Congeda la folla perché vada nei villaggi e nelle campagne dei dintorni, per alloggiare e trovare cibo: qui siamo in una zona deserta». Gesù disse loro: «Voi stessi date loro da mangiare». Ma essi risposero: «Non abbiamo che cinque pani e due pesci, a meno che non andiamo noi a comprare viveri per tutta questa gente». C’erano infatti circa cinquemila uomini. Egli disse ai suoi discepoli: «Fateli sedere a gruppi di cinquanta circa». Fecero così e li fecero sedere tutti quanti. Egli prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò su di essi la benedizione, li spezzò e li dava ai discepoli perché li distribuissero alla folla. Tutti mangiarono a sazietà e furono portati via i pezzi loro avanzati: dodici ceste.

Dalle Fonti

Leggenda dei tre compagni 60: FF 1471
Molti, abbandonando il padre e la madre e ogni loro avere, seguivano i frati indossando il saio dell’Ordine. Allora fu davvero inviata sulla terra la spada della separazione, quando i giovani si facevano religiosi, lasciando i genitori nelle miserie di questo mondo. Quelli che venivano ricevuti nell’Ordine erano condotti da Francesco, per ricevere dalle sue mani l’abito religioso con umiltà e devozione.

Alla vita

Il bene e il bello sono categorie di quei valori attrattivi per virtù propria. Non si può non innamorarsi del bello e del buono ogni volta che li si incontra. La bellezza non può non risplendere ed attrarre e noi non possiamo non cercarla e desiderarla. Siamo fatti per la bellezza, proveniamo da essa e la cerchiamo in tutte le forme e in tutti i modi che possiamo. E’ al centro di ogni nostro desiderio e di ogni nostra passione, anche quando esprimiamo le nostre ricerche in modi non adeguati o deformati dalle nostre ferite e dai nostri inganni. Siamo cercatori del buono e del bello e quando li incontriamo, non possiamo che esserne attratti, ce ne innamoriamo. “C’erano circa cinquemila uomini” e “Molti seguivano i frati indossando il saio”. Non stupiscono le folle che accorrono, le moltitudini che si affollano. Ma c’è un momento in cui le folle, le moltitudini sono messe alla prova: é il momento in cui la bellezza si scontra con il limite, con ciò che sembra essere il suo esatto contrario. Le parole del Salmo: “Tu sei il più bello tra i figli dell’uomo” sembrano scontrarsi con quelle di Isaia: “Non c’è in lui apparenza né bellezza da attirare il nostro sguardo”. Allora le folle e le moltitudini svaniscono e rimane per ognuno il percorso pasquale come possibile crescita e scoperta di una bellezza mite e dolcissima che trasforma il limite in perfetta letizia.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Momenti Francescani
ARTICOLO DI: Momenti Francescani

“Momenti Francescani: La Parola nella Parole E’ la prima testata periodica edita in Italia a proporre la lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un brano delle Fonti Francescane e ad una breve attualizzazione. Perché la scelta di questo format editoriale? Il Vangelo non per particolari motivazioni liturgiche, ma per seguire una pagina del “Breviario/evangeliario” di San Francesco in cui Frate Leone annotava come il santo avesse una particolare predilezione per questa lettura quotidiana. E le Fonti? Grande tesoro ancora a molti sconosciuto, oggi rappresentano un valido strumento per la conoscenza della figura storica, “psicologica” e spirituale di S. Francesco, oltre che della vita delle prime comunità francescane. Per l’uomo contemporaneo rappresentano ancora una finestra che permetta un respiro più ampio e una risposta alle sue istanze. Viene anche proposta un’attualizzazione per ogni giorno, concepita come cuneo capace di scardinare le posizioni del cuore dell’uomo odierno a volte indurito e “zoppicante.” L’opera si rivolge agli appartenenti all’Ordine Francescano Secolare d’Italia, ai membri dell’intera Famiglia Francescana, e a tutti coloro che sono attirati dalla ricchezza e dalla profondità del Vangelo e della spiritualità francescana. Momenti Francescani è edita dalla Cooperativa sociale francescana di multiservizi Fratelli è possibile – F. è P. è nata nel 2006 dall’ispirazione di tutta la Fraternità dell’Ordine Francescano Secolare di Cesena come emanazione sociale legata alla propria intrinseca vocazione.”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio