Domenica 2 giugno 2019, ASCENSIONE DEL SIGNORE

Domenica 2 giugno 2019, ASCENSIONE DEL SIGNORE

Dal Vangelo

Luca 24,46-53
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, e nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. Di questo voi siete testimoni. Ed ecco, io mando su di voi colui che il Padre mio ha promesso; ma voi restate in città, finché non siate rivestiti di potenza dall’alto». Poi li condusse fuori verso Betània e, alzate le mani, li benedisse. Mentre li benediceva, si staccò da loro e veniva portato su, in cielo. Ed essi si prostrarono davanti a lui; poi tornarono a Gerusalemme con grande gioia e stavano sempre nel tempio lodando Dio.

Dalle Fonti

Regola non bollata XXIII,12-15: FF 67
E per il tuo amore umilmente preghiamo la gloriosa e beatissima Madre sempre vergine Maria, il beato Michele, Gabriele, Raffaele e tutti i cori degli spiriti celesti: serafini, cherubini, troni, dominazioni, principati e potestà, virtù, angeli e arcangeli il beato Giovanni Battista, Giovanni evangelista, Pietro, Paolo, e i beati Patriarchi e profeti, i santi innocenti, gli apostoli e gli evangelisti, i discepoli, i martiri, i confessori, le vergini, i beati Elia e Enoch e tutti i santi che furono e saranno e sono affinché rendano grazie a te, sommo e vero Dio, eterno e vivo con il Figlio tuo carissimo, Signore nostro Gesù Cristo, e con lo Spirito Santo Paraclito nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.

Alla vita

L’episodio dell’Ascensione al cielo di Gesù e la conseguente discesa dello Spirito sui discepoli, chiudono il racconto dei Vangeli ma non l’esperienza della sequela. Anzi, aprono al discepolo e alla Chiesa intera la prospettiva ultima della Liturgia celeste nel Regno giunto alla sua pienezza. La prostrazione dei discepoli e la loro adorazione verso il Maestro che torna al Padre, è il preludio dell’adorante atto amoroso della schiera dei Santi nell’eterno rendimento di grazie e di gloria. Francesco vede così la Chiesa glorificata come termine, meta e compimento del suo cammino, come quello di ogni credente. Maria, gli Angeli, i Santi, ogni potenza spirituale ed ogni creatura uscita dalle mani del Creatore e santificata dal Sangue dell’Agnello, godono e partecipano dell’eterna Eucarestia del Figlio: il Suo restituirsi da sempre al Padre in rendimento di grazie e in pieno svuotamento di sé verso Colui dal quale è generato. Questa visione splendida e apocalittica della Liturgia celeste è come pregustata da Francesco; ai suoi occhi tutto il creato ed ogni creatura già canta, annuncia, rivela, mostra la finalità dell’Universo intero. Francesco è capace di riconoscere nel vivere dell’oggi questa tensione universale, come già annunciava San Paolo: “La creazione intera attende con impazienza la sua pienezza”.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Momenti Francescani
ARTICOLO DI: Momenti Francescani

“Momenti Francescani: La Parola nella Parole E’ la prima testata periodica edita in Italia a proporre la lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un brano delle Fonti Francescane e ad una breve attualizzazione. Perché la scelta di questo format editoriale? Il Vangelo non per particolari motivazioni liturgiche, ma per seguire una pagina del “Breviario/evangeliario” di San Francesco in cui Frate Leone annotava come il santo avesse una particolare predilezione per questa lettura quotidiana. E le Fonti? Grande tesoro ancora a molti sconosciuto, oggi rappresentano un valido strumento per la conoscenza della figura storica, “psicologica” e spirituale di S. Francesco, oltre che della vita delle prime comunità francescane. Per l’uomo contemporaneo rappresentano ancora una finestra che permetta un respiro più ampio e una risposta alle sue istanze. Viene anche proposta un’attualizzazione per ogni giorno, concepita come cuneo capace di scardinare le posizioni del cuore dell’uomo odierno a volte indurito e “zoppicante.” L’opera si rivolge agli appartenenti all’Ordine Francescano Secolare d’Italia, ai membri dell’intera Famiglia Francescana, e a tutti coloro che sono attirati dalla ricchezza e dalla profondità del Vangelo e della spiritualità francescana. Momenti Francescani è edita dalla Cooperativa sociale francescana di multiservizi Fratelli è possibile – F. è P. è nata nel 2006 dall’ispirazione di tutta la Fraternità dell’Ordine Francescano Secolare di Cesena come emanazione sociale legata alla propria intrinseca vocazione.”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio