Domenica 16 giugno 2019, SS. TRINITÀ

Domenica 16 giugno 2019, SS. TRINITÀ

Dal Vangelo

Giovanni 16,12-15
In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future. Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà».

Dalle Fonti

Leggenda dei tre compagni 57: FF 1467
Egli venerava i prelati e i sacerdoti della santa Chiesa, rispettava i signori, i nobili e i ricchi, ma amava profondamente i poveri, partecipando con tenerezza alle loro sofferenze. Si mostrava servitore di tutti. Benché fosse sopra l’intera fraternità, designava uno di quelli che vivevano con lui come suo guardiano e padrone, e gli obbediva con umiltà e devozione, per fugare da sé ogni occasione di orgoglio. Si faceva piccolo in mezzo agli uomini, curvando il capo fino a terra, allo scopo di meritare al cospetto di Dio di essere esaltato in mezzo ai santi e agli eletti.

Alla vita

C’è un principio di obbedienza che fa parte integrante del cammino di sequela. Un’obbedienza non statica, né marmorea o pesante, bensì dinamica, viva e vivace, che si articola in modo sempre più complesso al crescere della comprensione di sé, della realtà del mondo e della Verità della Parola. Un’obbedienza a cui il Figlio stesso fu sottoposto: “Imparò l’obbedienza dalle cose che patì e reso perfetto…”, così recita la lettera agli Ebrei. Gesù stesso viene reso perfetto, viene portato alla perfezione man mano che questo Suo percorso di obbedienza alla realtà, a Sé e alla vita, si dipana e si approfondisce. C’è una legge di dinamicità della vita e del crescere che impone l’obbedienza come garanzia di sanità e di concretezza. Così la sequela ha la stessa caratteristica dinamica ed evolutiva. Al di là di essere una realtà statica, monolitica, scelta una volta per sempre, è un susseguirsi di momenti di crescita, di approfondimento, di luce, di interiorità, di crisi, di cadute, di ripartenze, di slanci e di paure. La vocazione stessa è un cammino mai definito a priori ma frutto di un dialogo amoroso, di una intimità sempre più profonda tra il discepolo ed il suo Signore, così come fu per Gesù stesso, nell’intreccio di intimità tra sé e il Padre, nel paziente e costante ascolto della Sua volontà. Come è per il cammino del singolo, così è anche per il cammino della Chiesa, che custodisce ed annuncia la Verità, in un cammino in cui la Verità stessa si approfondisce e si articola sempre più al suo sguardo orante e contemplativo. La Chiesa cresce nella comprensione dell’unica Verità, grazie alla presenza e vitalità dello Spirito.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Momenti Francescani
ARTICOLO DI: Momenti Francescani

“Momenti Francescani: La Parola nella Parole E’ la prima testata periodica edita in Italia a proporre la lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un brano delle Fonti Francescane e ad una breve attualizzazione. Perché la scelta di questo format editoriale? Il Vangelo non per particolari motivazioni liturgiche, ma per seguire una pagina del “Breviario/evangeliario” di San Francesco in cui Frate Leone annotava come il santo avesse una particolare predilezione per questa lettura quotidiana. E le Fonti? Grande tesoro ancora a molti sconosciuto, oggi rappresentano un valido strumento per la conoscenza della figura storica, “psicologica” e spirituale di S. Francesco, oltre che della vita delle prime comunità francescane. Per l’uomo contemporaneo rappresentano ancora una finestra che permetta un respiro più ampio e una risposta alle sue istanze. Viene anche proposta un’attualizzazione per ogni giorno, concepita come cuneo capace di scardinare le posizioni del cuore dell’uomo odierno a volte indurito e “zoppicante.” L’opera si rivolge agli appartenenti all’Ordine Francescano Secolare d’Italia, ai membri dell’intera Famiglia Francescana, e a tutti coloro che sono attirati dalla ricchezza e dalla profondità del Vangelo e della spiritualità francescana. Momenti Francescani è edita dalla Cooperativa sociale francescana di multiservizi Fratelli è possibile – F. è P. è nata nel 2006 dall’ispirazione di tutta la Fraternità dell’Ordine Francescano Secolare di Cesena come emanazione sociale legata alla propria intrinseca vocazione.”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio