Consolazione, non turbamento

Consolazione, non turbamento

Venerdì IV Settimana di Pasqua
At 13,26-33     Sal 2     Gv 14,1-6
S. Pasquale Baylon

Gesù annuncia ai suoi discepoli che se ne andrà verso il Padre, ma non vuole lasciare turbamenti. Mostrandoci il Padre, ci ha aperto il cammino verso di lui e ci ha dato la forza di seguirlo. Chi crede in lui, trova la via del ritorno a casa, casa dove c’è un posto per ognuno e partecipa alla sua vita di Figlio conoscendo la verità di Dio, che cioè è Padre. Proviamo ad immedesimarci nei discepoli turbati per la annunciata partenza. Anche noi, oggi, viviamo questa partenza: l’assenza umana di Gesù è il nostro tempo.
In verità Gesù ci vuole consolare con un nuovo modo di essere presente che è quella della fede in lui e dell’amore. Come Lui ha superato il turbamento con la fiducia nel Padre e vivendo l’amore del Padre, anche per noi, in questo tempo di assenza, dobbiamo contare sulla realtà forte della comunità cristiana che lo rende presente attraverso la preghiera, la celebrazione della Parola e dei sacramenti, e la Carità!

Signore Gesù, aumenta la nostra fede perché crediamo sempre in Te, che sei nostra Via, Verità e Vita!

Dalla Lettera ai Fedeli [FF 178/3]
Oh, come é glorioso, santo e grande avere in cielo un Padre! Oh, come é santo, fonte di consolazione, bello e ammirabile avere un tale Sposo! Oh, come é santo e come é caro, piacevole, umile, pacifico, dolce, amabile e desiderabile sopra ogni cosa avere un tale fratello e un tale figlio, il Signore nostro Gesù Cristo.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio