Io per e nella Chiesa

Venerdì fra l’Ottava di Pasqua
At 4,1-12     Sal 117     Gv 21,1-14

Il brano di oggi inizia e termina con Gesù che si manifesta a 7 dei suoi discepoli sul mare di Tiberiade. Manifestarsi vuol dire rivelarsi, venire alla luce, avere la conferma che si esiste! Gesù si manifesta in due situazioni: la pesca, lavoro per gli apostoli, ma anche il mandato loro dato dal Signore e il pasto, la comunione. Il lavoro degli apostoli, che è quello dell’essere sì pescatori di pesci, ma soprattutto pescatori di uomini, si coniuga con il banchetto, con la condivisione, con il rendere grazie, con il dono dell’Eucarestia. Il Signore Gesù conferma così i suoi apostoli che nelle vicende ordinarie della vita dovranno portare la buona novella, dovranno testimoniare che il Signore è Risorto perché tutti si possano salvare. Mandato personale e comunione nella Chiesa, realtà inscindibili! Chiediamo anche noi la grazia di non separare mai il mandato personale che ognuno di noi riceve, dalla vita nella Chiesa. Siamo scelti perché mandati. Possiamo andare perché la Chiesa, sacramento di salvezza, sostiene sempre la missione di ognuno e di tutti.

Signore Gesù, i discepoli di questo incontro sono 7, simbolo della pienezza. Donaci di credere sempre che ognuno di noi, con la nostra specifica vocazione, partecipa all’unità della Chiesa e alla sua missione.

Dalla Leggenda Maggiore di San Bonaventura [FF 1022]
Questo araldo di Dio, degno di essere amato da Cristo, imitato da noi e ammirato dal mondo, è il servo di Dio Francesco: lo costatiamo con sicurezza indubitabile, se osserviamo come egli raggiunse il vertice della santità più eccelsa, e, vivendo in mezzo agli uomini, imitò la purezza degli angeli, fino a diventare esempio di perfezione per i seguaci di Cristo.

 

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio