Domenica 3 marzo 2019, VIII DEL TEMPO ORDINARIO

Domenica 3 marzo 2019, VIII DEL TEMPO ORDINARIO

Dal Vangelo

Luca 6,39-45
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli una parabola: «Può forse un cieco guidare un altro cieco? Non cadranno tutti e due in un fosso? Un discepolo non è più del maestro; ma ognuno, che sia ben preparato, sarà come il suo maestro. Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello e non ti accorgi della trave che è nel tuo occhio? Come puoi dire al tuo fratello: “Fratello, lascia che tolga la pagliuzza che è nel tuo occhio”, mentre tu stesso non vedi la trave che è nel tuo occhio? Ipocrita! Togli prima la trave dal tuo occhio e allora ci vedrai bene per togliere la pagliuzza dall’occhio del tuo fratello. Non vi è albero buono che produca un frutto cattivo, né vi è d’altronde albero cattivo che produca un frutto buono. Ogni albero infatti si riconosce dal suo frutto: non si raccolgono fichi dagli spini, né si vendemmia uva da un rovo. L’uomo buono dal buon tesoro del suo cuore trae fuori il bene; l’uomo cattivo dal suo cattivo tesoro trae fuori il male: la sua bocca infatti esprime ciò che dal cuore sovrabbonda».

Dalle Fonti

Leggenda dei tre compagni 34: FF 1437
Gli ascoltatori si domandavano l’un l’altro: «Chi sono questi due? cosa ci stanno dicendo?». A quei tempi l’amore e il timor di Dio erano come spenti nei cuori, quasi dappertutto; la penitenza era ignorata, anzi la si riteneva una insensataggine. A tanto erano giunte la concupiscenza carnale, la bramosia di ricchezza e l’orgoglio, che tutto il mondo pareva dominato da queste tre seduzioni diaboliche.

Alla vita

Un maestro che intende condurre il discepolo e accompagnarlo dev’essere innanzitutto a contatto con se stesso e con il proprio desiderio! La fiamma del proprio desiderio consapevole è in grado di accendere il desiderio del discepolo. Gesù è consapevole e padrone del proprio desiderio. La capacità, grande, di Gesù Maestro è il continuo contatto con sè stesso, una presenza a sé che lo rende indenne dai rischi relazionali di proiezione, di investimento di inconsistenze personali o di propri bisogni. Lui è pienamente centrato sul Padre, garanzia di decentramento personale e di libertà. Gesù è sull’altro e non su di sé. Questa modalità di cura e di amore è opposta rispetto alla modalità umana. Le relazioni tutte, comprese quelle di cura, spesso, sono invischiate in meccanismi di investimento personale, di proiezione di propri bisogni e di manipolazioni affettive. Il centro, in questo caso, non è più il Tu ma l’Io. La logica dell’amore autentico è talvolta percepita come illogica, fuori dal cliché umano e pertanto non riconosciuta: chi sono questi due? Cosa ci stanno dicendo? L’amore divino, allocentrico, quello di chi si fa povero per arricchire l’altro, di chi si abbassa per innalzare l’altro e di chi muore per dare la vita è ancora oggi “scandalosamente” la via per la vita!

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Momenti Francescani
ARTICOLO DI: Momenti Francescani

“Momenti Francescani: La Parola nella Parole E’ la prima testata periodica edita in Italia a proporre la lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un brano delle Fonti Francescane e ad una breve attualizzazione. Perché la scelta di questo format editoriale? Il Vangelo non per particolari motivazioni liturgiche, ma per seguire una pagina del “Breviario/evangeliario” di San Francesco in cui Frate Leone annotava come il santo avesse una particolare predilezione per questa lettura quotidiana. E le Fonti? Grande tesoro ancora a molti sconosciuto, oggi rappresentano un valido strumento per la conoscenza della figura storica, “psicologica” e spirituale di S. Francesco, oltre che della vita delle prime comunità francescane. Per l’uomo contemporaneo rappresentano ancora una finestra che permetta un respiro più ampio e una risposta alle sue istanze. Viene anche proposta un’attualizzazione per ogni giorno, concepita come cuneo capace di scardinare le posizioni del cuore dell’uomo odierno a volte indurito e “zoppicante.” L’opera si rivolge agli appartenenti all’Ordine Francescano Secolare d’Italia, ai membri dell’intera Famiglia Francescana, e a tutti coloro che sono attirati dalla ricchezza e dalla profondità del Vangelo e della spiritualità francescana. Momenti Francescani è edita dalla Cooperativa sociale francescana di multiservizi Fratelli è possibile – F. è P. è nata nel 2006 dall’ispirazione di tutta la Fraternità dell’Ordine Francescano Secolare di Cesena come emanazione sociale legata alla propria intrinseca vocazione.”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio