Con chi faccio i conti?

Con chi faccio i conti?

Martedì VIII Settimana del Tempo ordinario
Sir 35,1-15   Sal 49   Mc 10,28-31

La Parola di oggi la comprendiamo assieme a quella di ieri.  Gesù ci ha ricordato come il nostro cuore sia ambiguo: diciamo di voler seguire il Signore, gli chiediamo indicazioni sulla via, ma poi non rispondiamo alle sue richieste. Il giovane fa i suoi conti e decide di andar via, triste.  Gesù risponde allo smarrimento dei discepoli mettendo l’accento sul potere di Dio e sulla fiducia in lui come uniche vie di salvezza. La pura rinuncia alle ricchezze non garantisce la salvezza, perché lasciare è una cosa, seguire un’altra.
Quando segui il Signore hai un’altra misura per il conto: il Padre non sa dare meno di tutto. È affidabile e potente. È contento di dare tutto. È chiarissimo: se volete fare i vostri conti con me, capirete ciò che è bene lasciare per seguirmi e avrete tutto. Cioè tutta la salvezza: non solo quella eterna, ma anche quella “quaggiù” perché dobbiamo nutrirci, vestirci e curarci. La salvezza “quaggiù” è anche la gioia che viene dal dono reciproco nella fraternità e sostiene nelle prove della vita. Come capire se sto seguendo il Signore, se faccio i miei conti con lui? Lo dice il Siracide: se dono all’Altissimo secondo il dono da lui ricevuto, e con occhio contento, secondo la mia possibilità.

Donaci, o Padre, di lasciare ciò che limita la nostra libertà di seguirti.

Dalla Vita Prima di Tommaso da Celano [FF 483]
Gli riusciva più facile compiere le cose più perfette che predicarle, poiché più che alle parole che rivelano la virtù ma non fanno l’uomo virtuoso, impiegava tutte le sue forze in opere sante. Perciò, sicuro e lieto cantava a sé e a Dio canti di letizia nel suo cuore (Ef 5,19). Per questo, a lui che si è rallegrato tanto della rivelazione più piccola, ne viene elargita una ben maggiore, ed essendo stato fedele nel poco, gli è dato autorità su molto (Mt 25,21).

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio