Servizio o scandalo?

Servizio o scandalo?

Giovedì VII Settimana del Tempo Ordinario
Sir 5,1-10      Sal 1     Mc 9,41-50

Il Vangelo di oggi ci offre molte indicazioni per come vivere nel Bene e tutte le affermazioni hanno un nesso comune: come devono essere fatte le nostre azioni. Tutto deve essere fatto nel nome di Gesù e senza dare scandalo. Il “nome” di Gesù è principio di ogni azione e decisione: ci permette di servire i fratelli senza recare danno a loro o a noi stessi. Si tratta di compiere piccoli atti di servizio. Il loro valore è dato proprio dall’intenzione del gesto e non dalla sua grandezza! Potrei farlo nel mio nome con il rischio di cercare la mia affermazione personale o magari per legare a me qualcuno. Invece, servire nel nome del Signore, è agire nella verità e nella libertà. Il contrario del servizio, che non fa crescere me e neppure il fratello nella libertà e nella verità, è lo scandalo. È la pietra dove inciampiamo, che ci fa fermare, è il cattivo servizio. Tante nostre azioni sono di scandalo, cioè impediscono all’altro di crescere ed è un peccato grave. Impedendo all’altro di crescere, io non mi comporto da fratello.
La persona, quindi, ha tutto nelle mani e perciò ha un grande potere: quello di realizzare o di distruggere. Meditiamo su quali scelte di bene facciamo.

“Abbiate sale in voi stessi e siate in pace gli uni con gli altri”, donaci Signore di saperci formare e di saper agire come tu vuoi!

Dalla Legenda Maggiore di San Bonaventura [FF 1139]
Spesso, pensando allo scandalo che veniva dato ai piccoli, provava una tristezza immensa, al punto da ritenere che ne sarebbe morto di dolore, se la bontà divina non l’avesse sorretto con il suo conforto.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio