Per tutti gli uomini, per tutto l’uomo

Sabato V Settimana del Tempo Ordinario
Gen 3,9-24   Sal 89   Mc 8,1-10

L’evangelista Marco – come Matteo – narra due differenti miracoli dei pani. Alcune differenze tra il primo e il secondo episodio permettono di cogliere delle luci importanti sulla missione di Gesù.
Innanzi tutto a partecipare non sono i Giudei ma i pagani, superamento di quel “non è bene prendere il pane dei figli e gettarlo ai cagnolini” che Gesù aveva detto alla donna siro fenicia. Poi siamo in un luogo deserto e la gente, anche riuscendo a partire, non avrebbe nessuna possibilità di procurarsi da mangiare. Infine, ciò che muove la compassione di Gesù non è l’essere come pecore senza pastore della folla, ma il suo bisogno concreto, materiale, di sfamarsi.
Il Signore Gesù è venuto a portare una salvezza concreta, tangibile, che abbraccia tutta l’umanità e tutto l’uomo, in tutta la sua persona, spirito, anima e corpo.

Ti rendiamo grazie Signore, perché ci vuoi bene, e ti prendi cura di noi. Donaci di abbandonarci, fiduciosi, nelle tue mani.

Dalla Leggenda maggiore di San Bonaventura [FF 1080]
Alla Porziuncola vi era penuria di ogni cosa, ma, benché qualche volta vi convenisse una moltitudine di oltre cinquemila frati, non mancò mai l’aiuto della bontà divina, che procurava il sufficiente per tutti e a tutti concedeva salute del corpo e sovrabbondante gioia di spirito.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio