La mia vita di fede, dono per la Chiesa

La mia vita di fede, dono per la Chiesa

Venerdì VI Settimana del Tempo Ordinario
1Pt 5,1-4       Sal 22       Mt 16,13-19
Cattedra di San Pietro Apostolo, Festa

Gesù chiede all’apostolo Pietro e a ciascuno di noi: chi sono io per te? Pietro, con la sua risposta, riconosce in Gesù il Cristo colui che tutta la storia desidera, la promessa di Dio all’uomo. Così, ci insegna che la fede cristiana non è semplicemente una dottrina, un vago amore per un Dio buono … ma è l’amore che vivo per la persona concreta di Gesù, che è il mio Signore. La fede in Gesù si esprime nella relazione con Lui attraverso l’ascolto e il dialogo, il servizio e la contemplazione. Pietro, nell’accogliere la domanda di Gesù e nel dichiarare che Lui è il Cristo, esprime non tanto un’ottima risposta teologica, ma manifesta la relazione che ha con Lui. E noi ci lasciamo interrogare dal Signore? Diamo una risposta che viene dalla relazione con Lui? Se lo facciamo, abbiamo la possibilità di mettere a disposizione la nostra vita di fede per il bene della Chiesa, come ha fatto Pietro per noi. Grazie alla sua passione e alla sua risposta noi oggi possiamo vivere nella Chiesa che, come grembo materno, ci accoglie e ci accompagna nel cammino verso la vita eterna.

Beati noi Signore, quando ti riconosciamo come nostro Tutto e nostro Salvatore. Ti preghiamo per Papa Francesco e la sua missione di pastore della Chiesa.

Dalla Legenda Maggiore di San Bonaventura [FF 1167]
I santi e il loro ricordo eran per lui come carboni ardenti, che ravvivano in lui l’incendio deificante. Venerava con devozione ferventissima tutti gli apostoli e specialmente Pietro e Paolo, per la loro fervente carità verso Cristo. In loro onore e per loro amore offriva al Signore il digiuno di una quaresima speciale.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio