Guariti per la fraternità

Guariti per la fraternità

Venerdì I Settimana del Tempo Ordinario
Eb 3,7-14            Sal 94         Mc 1,40-45
Sant’Antonio abate, memoria

Dio è affidabile! La lettera agli Ebrei vuole evidenziare proprio questa caratteristica fondamentale del Signore, attraverso il ricordo della liberazione dalla schiavitù.
Un popolo eletto che ha tutto ciò che gli serve per fidarsi e camminare nella luce. “Oggi, se udite la sua voce, non indurite i vostri cuori”. Siamo chiamati ad ascoltare, ad essere audaci, ad avere speranza come il lebbroso che prega il Signore in atteggiamento di supplica. L’umiltà ci aiuta ad avere il cuore morbido, malleabile, disponibile e ad accostarci a Gesù con coraggio e con la speranza di non essere rifiutati!
Gesù, guarendo l’uomo malato, rivela un nuovo volto di Dio che sana personalmente il male che ci rende impuri. Siamo così reintegrati nella comunità, e sanati dal male della solitudine.
La vita di ognuno è preziosa per sé stessa. Ma lo è soprattutto per essere dono condiviso, restituito!

Donaci Signore orecchi aperti all’ascolto e un cuore umile e docile. Sant’Antonio abate prega per noi.

Dalle lettere di S. Chiara alla Beata Agnese di Praga [FF 2875]
Memore del tuo proposito, come un’altra Rachele, tieni sempre davanti agli occhi il punto di partenza. I risultati raggiunti, conservali; ciò che fai, fallo bene; non arrestarti; ma anzi, con corso veloce e passo leggero, con piede sicuro, che neppure alla polvere permette di ritardarne l’andare, avanza confidente e lieta nella via della beatitudine che ti sei assicurata.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio