A viso scoperto, gridiamo “Padre!”

A viso scoperto, gridiamo “Padre!”

Mercoledì II Settimana del Tempo Ordinario
Eb 7,1-3.15-17     Sal 109     Mc 3,1-6

I farisei sono chiusi, bloccati dentro la legge: non riescono provare compassione per un fratello che soffre. E, soprattutto, non vogliono riconoscere in Gesù il Figlio di Dio. La durezza del cuore è un tema tipico dell’evangelista Marco. Ma anche San Paolo ne parla più volte: in un passo dice che, quando l’uomo è accecato dalla legge, sul suo cuore è come se ci fosse un velo che copre la verità. “Ma quando vi sarà la conversione al Signore Gesù” dice Paolo, “il velo sarà tolto!” (cfr. 2Cor 3,14-16). Anche Papa Francesco ci esorta così: “Solo lo Spirito santo ti dona la libertà dei figli di Dio, solo Lui ti muove il cuore perché tu possa gridare Padre! Lo Spirito” afferma il Papa, ”è l’unico capace di rompere la durezza del cuore e trasformarlo in un cuore docile, docile al Signore”. Invochiamo spesso lo Spirito santo, perché spezzi le durezze che bloccano il cuore e ci faccia vivere da fratelli, capaci di gridare “Padre!”

 “E noi tutti a viso scoperto, riflettendo come in uno specchio la gloria del Signore, veniamo trasformati in quella medesima immagine, secondo l’azione dello Spirito”. (2Cor 3,18)

 

Dalla Lettera a tutto l’Ordine
Ascoltate, miei signori, figli e fratelli, e prestate orecchio alle mie paroleInclinate l’orecchio del vostro cuore e obbedite alla voce del Figlio di Dio. Custodite nella profondità del vostro cuore i suoi precetti e adempite perfettamente i suoi consigli.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio