Benefiche rivoluzioni

Benefiche rivoluzioni

Mercoledì,feria propria del 19 Dicembre
Gdc 13,2-7.24-25a       Sal 70     Lc 1,5-25

Il nome “Zaccaria”vuol dire “memoria di Dio”. Il Signore si ricorda di lui e di Elisabetta, inaspettatamente, nel tempo della loro vecchiaia. Chiederà loro di dare al figlio un nome mai usato prima in famiglia: Giovanni. È una rivoluzione… Così è per tutti coloro che si mettono alla sequela del Signore Gesù. È necessario stare docilmente pronti alla rivoluzione buona che vuole compiere nelle nostre vite. Nel cammino di sequela non c’è posto per abitudini fossilizzate. «Non ricordate più le cose passate, non pensate più alle cose antiche! Ecco, io faccio una cosa nuova: proprio ora germoglia, non ve ne accorgete? (Is 43,18-19). È proprio così: a volte non ci accorgiamo di quanto siano benefiche per noi le novità che Dio compie. Zaccaria, per accorgersene,ha bisogno di un tempo di prova, una purificazione che passa per il silenzio e l’incapacità di esprimersi. Solo dopo riuscirà a passare dal sospetto e l’incredulità all’abbandono fiducioso. E accoglierà finalmente la buona novità che Dio ha voluto portare dentro la sua vita. Le rivoluzioni del Signore sono sempre per un bene più grande; i suoi capovolgimenti per una fecondità inaspettata, fonte di gioia, di grazia e di vita.

Padre misericordioso, fa’ che ci lasciamo raggiungere dalla tua voce, che ci lasciamo conquistare dalle novità della tua grazia: rendici docili ai cambiamenti di bene che vuoi operare in noi.

Dal Testamento (FF 110)Il Signore dette a me, frate Francesco, d’incominciare a fare penitenza così: quando ero nei peccati mi sembrava cosa troppo amara vedere i lebbrosi e il Signore stesso mi condusse tra loro e usai con essi misericordia. E allontanandomi da essi, ciò che mi sembrava amaro mi fu cambiato in dolcezza d’animo e di corpo. E di poi, stetti un poco e uscii dal mondo.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio