Laudato sii, mi’ Signore

Mercoledì XXXII Settimana del Tempo Ordinario
Tt 3,1-7     Sal 22   Lc 17,11-19

Ciò che Gesù nota e benedice nell’uomo samaritano, è la sua capacità di ritornare indietro a lodare Dio per l’opera che ha compiuto in lui. Ci sono dei cambiamenti belli, delle guarigioni nella nostra vita, che rischiano di passare inosservate al nostro sguardo distratto. A volte è più facile soffermarsi su ciò che manca, piuttosto che su ciò che cambia e cresce. Tornare indietro da Gesù, come fa lo straniero di Samaria, vuol dire saper contemplare l’opera di Dio nella nostra vita, spesso silenziosa. È come il regno di Dio che cresce, è come un piccolo seme che un uomo getta nella terra. “… Dorma o vegli, di notte o di giorno, germoglia e cresce. Come, egli stesso non lo sa” (Mc 4,27). Quando ci accorgiamo della bontà di Dio che lavora in noi giorno dopo giorno, diventiamo riconoscenti e, di conseguenza, cresce in noi quella gioia profonda, stabile, serena. Sì, perché quando imparo a ringraziare, sono molto più felice.  La gioia cresce quando realizzo che tutto è un dono della bontà del Padre. In questo, il padre nostro Francesco ha molto da insegnarci!

Davanti a me tu prepari una mensa, sotto gli occhi dei miei nemici. Grazie, Padre buono.

Dalla Leggenda maggiore di San Bonaventura [FF 1059]
«Andate» disse il dolce padre ai figli suoi «annunciate agli uomini la pace; predicate la penitenza per la remissione dei peccati. Siate pazienti nelle tribolazioni, vigilanti nell’orazione, valenti nelle fatiche, modesti nel parlare, gravi nel comportamento e grati nei benefici. E in compenso di tutto questo è preparato per voi il regno eterno».

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio