La seconda parte

La seconda parte

Giovedì XXX Settimana del Tempo Ordinario
Ap 7,2-4.9-14    Sal 23    1Gv 3,1-3    Mt 5,1-12
Solennità di tutti i Santi

La parola “santità”, in greco, contiene la radice del “kairòs” : il tempo opportuno. La Parola, così, ci insegna che quello dei santi è il cammino di chi ha vissuto pienamente il tempo che gli è stato donato su questa terra. Un’opportunità colta in pienezza, fino in fondo, fino alla fine, è stata fatta fruttare e risplendere nell’amore, sulle orme del Signore Gesù.
Ogni beatitudine è composta da due parti: la prima, “beati…” descrive una situazione, che non è forse fortunata, né tantomeno desiderata. Ma la seconda parte ne descrive l’effetto, il risultato, la conseguenza felice: “perché…”.
I Santi che oggi celebriamo, hanno vissuto una vita bella perché hanno saputo attendere quella seconda parte, nella pazienza e nell’amore, nella ricerca instancabile e nella preghiera. Questi nostri fratelli del cielo ci mostrano oggi una strada luminosa e incoraggiante. Lasciamoci accompagnare da loro.

Padre santo, che oggi ci fai contemplare la città del cielo, grazie perché ci doni questi fratelli eletti come “amici e modelli di vita”.

Dalla vita prima di Tommaso da Celano [FF 417]
Animato da ardente amore di Dio, il beatissimo padre Francesco desiderava sempre metter mano a grandi imprese, e, camminando con cuore generoso la via della volontà del Signore, anelava raggiungere la vetta della santità.

 

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio