Giovedì 29 novembre 2018, TUTTI I SANTI DEI TRE ORDINI FRANCESCANI

Giovedì 29 novembre 2018, TUTTI I SANTI DEI TRE ORDINI FRANCESCANI

Dal Vangelo

Marco 10,17-21
In quel tempo, mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro e, gettandosi in ginocchio davanti a lui, gli domandò: «Maestro buono, che cosa devo fare per avere in eredità la vita eterna?». Gesù gli disse: «Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, se non Dio solo. Tu conosci i comandamenti: “Non uccidere, non commettere adulterio, non rubare, non testimoniare il falso, non frodare, onora tuo padre e tua madre”». Egli allora gli disse: «Maestro, tutte queste cose le ho osservate fin dalla mia giovinezza». Allora Gesù fissò lo sguardo su di lui, lo amò e gli disse: «Una cosa sola ti manca: va’, vendi quello che hai e dallo ai poveri, e avrai un tesoro in cielo; e vieni! Seguimi!».

Dalle Fonti

Anonimo Perugino 23: FF 1512
Benché quest’uomo li trattasse con tanta benevolenza, dalla gente erano però comunemente riguardati come dei pezzenti, e piccoli e grandi li prendevano a zimbello, alla maniera dei padroni con i servi, a parole e a fatti. Perfino gli indumenti strappavano loro, per sbrindellati e logori che fossero. Rimasti nudi, non avendo altri cenci di ricambio, osservavano tuttavia il consiglio del Vangelo di non ridomandare quello che viene tolto. Ma se per compassione ritornavano loro la tonaca, la ripigliavano con buona grazia. Certuni buttavano fango sul loro capo, altri ponevano loro in mano dei dadi, invitandoli a giocare. Un tale si caricò sul dorso, appeso per il cappuccio, un frate, e se lo ballonzolò fin che gli piacque. Tali e molte altre malversazioni crudeli facevano loro, che non stiamo qui a raccontare, per non dilungarci.

Alla vita

Secondo le parole di Gesù la Vita eterna sarebbe iniziata per il giovane ricco quando avesse venduto tutto per darlo ai poveri e poi si fosse messo alla Sua sequela. E cioè? Quell’uomo, impegnato in un compimento di perfezione della propria vita, aveva impostato la sua esistenza come uno sforzo di “possesso” di virtù per essere sicuro di ottenere il diritto “dell’eredità della Vita eterna”. Gesù gli suggerisce invece di diventare insicuro: vendere tutto, dandolo ai poveri, significava innanzitutto rinunciare alla gestione della propria “perfezione”. Con la proposta della Sua sequela Cristo ribalta la logica del giovane: poniti dietro di me per condividere l’insicurezza della mia vita. Il racconto delle Fonti Francescane estremizza in fondo la nuova condizione assunta dai frati ponendosi alla sequela di Cristo. Avevano rinunciato a tutto, anche alla buona fama! E dunque erano in balia degli altri: accolti con benevolenza, perché riconosciuti come segni di grazia inviati da Dio, o invece derisi e disprezzati perché appartenevano agli ultimi, a quelli cioè sui quali si poteva riversare con libertà e senza conseguenze le proprie frustrazione e rabbie.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Momenti Francescani
ARTICOLO DI: Momenti Francescani

“Momenti Francescani: La Parola nella Parole E’ la prima testata periodica edita in Italia a proporre la lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un brano delle Fonti Francescane e ad una breve attualizzazione. Perché la scelta di questo format editoriale? Il Vangelo non per particolari motivazioni liturgiche, ma per seguire una pagina del “Breviario/evangeliario” di San Francesco in cui Frate Leone annotava come il santo avesse una particolare predilezione per questa lettura quotidiana. E le Fonti? Grande tesoro ancora a molti sconosciuto, oggi rappresentano un valido strumento per la conoscenza della figura storica, “psicologica” e spirituale di S. Francesco, oltre che della vita delle prime comunità francescane. Per l’uomo contemporaneo rappresentano ancora una finestra che permetta un respiro più ampio e una risposta alle sue istanze. Viene anche proposta un’attualizzazione per ogni giorno, concepita come cuneo capace di scardinare le posizioni del cuore dell’uomo odierno a volte indurito e “zoppicante.” L’opera si rivolge agli appartenenti all’Ordine Francescano Secolare d’Italia, ai membri dell’intera Famiglia Francescana, e a tutti coloro che sono attirati dalla ricchezza e dalla profondità del Vangelo e della spiritualità francescana. Momenti Francescani è edita dalla Cooperativa sociale francescana di multiservizi Fratelli è possibile – F. è P. è nata nel 2006 dall’ispirazione di tutta la Fraternità dell’Ordine Francescano Secolare di Cesena come emanazione sociale legata alla propria intrinseca vocazione.”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio