Accresci in noi la fede

Lunedì XXXII Settimana del Tempo Ordinario
Tt 1,1-9           Sal 23             Lc 17,1-6
San Giosafat, memoria

Nella comunità siamo affidati gli uni agli altri, ciascuno deve farsi carico della salvezza dei fratelli. Ecco il perché del severo avvertimento: “State attenti a voi stessi!”. Nessuno dei discepoli di allora e di oggi, è protetto dal rischio di dare scandalo, nessuno di noi può ritenersi “al sicuro” una volta per tutte. L’amore vicendevole a cui siamo chiamati deve sostenere la prova del perdono; l’amore che abbiamo ricevuto deve essere visibile nell’amore che restituiamo perdonando le offese ricevute. Solo così, solo rimanendo in questo amore la nostra vita sarà testimonianza e non scandalo.
Di fronte a questa Parola forte, che mette a nudo la nostra verità, facciamo nostra la preghiera dei discepoli: Signore, accresci in noi la fede!

Accresci in noi la fede, o Signore, fa che impariamo a confidare solo in Te

Dalla Regola bollata [FF 103-104]
Ammonisco poi ed esorto nel Signore Gesù Cristo, che si guardino i frati da ogni superbia, vana gloria, invidia, avarizia, cura e preoccupazione di questo mondo […] ma facciano attenzione che sopra ogni cosa devono desiderare di avere lo Spirito del Signore e la sua santa operazione, di pregarlo con cuore puro e di avere umiltà, pazienza nella persecuzione e nell’infermità, e di amare quelli che ci perseguitano e ci riprendono e ci accusano.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio