Vicini o lontani?

Giovedì XXII Settimana del Tempo Ordinario
1Cor 3, 18-23     Salmo 23     Lc 5,1-11

Il profeta Isaia, trovandosi davanti alla gloria di Dio, grida: “Sono perduto, perché un uomo dalle labbra impure io sono! Eppure i miei occhi hanno visto il re!” (Is 6,4). Così anche Pietro, dopo aver visto la gloria di Dio, cade ai piedi del Signore Gesù. Stupito e turbato, grida tutta la sua indegnità. “Allontanati!” gli dice. Ma il Signore Gesù sembra fare proprio il contrario. Il suo amore, che è sempre vicino, non accetta la nostra lontananza. Più l’uomo percepisce la sua miseria, più Lui teneramente si avvicina: “non temere!”. Come Isaia, come Pietro, forse anche noi a volte percepiamo con maggiore chiarezza tutta la nostra indegnità, sentendoci irrimediabilmente perduti. A volte arriviamo a voler prendere le distanze dal Signore… “Lasciamo stare, non ce la farò mai!”. Ma proprio quello è il momento di riaffermare con forza la nostra fede in Gesù, il Dio-con-noi, il Dio vicino sempre e comunque. Ricordiamoci che la nostra debolezza, se guardata con umiltà e con desiderio sincero di cambiare, per il Signore è sempre un punto di partenza. Stentiamo a crederlo… ma per Lui è un luogo privilegiato! È l’occasione per invitarci a ricominciare, ad accorciare le nostre distanze con la sua bontà, a purificare e rendere più adulta la nostra fede.

Grazie Signore Gesù, perché mentre io ti dico: “allontanati”, tu mi dici: “avvicinati!”.
Il tuo grande amore ci guarisce e ci trasforma.

Dai Fioretti di San Francesco [FF 1837]
Santo Francesco, con molte lagrime e sospiri e picchiare di petto, dice ad alta voce: «O Signore mio del cielo e della terra, io ho commesso contro a te tante iniquità e tanti peccati, che al tutto son degno d’esser da te maledetto».
E frate Lione risponde: «O frate Francesco, Iddio ti farà tale, che tra li benedetti tu sarai singolarmente benedetto (…) imperò che chi sé umilia sarà esaltato. E io non posso altro dire, imperò che Iddio parla per la bocca mia».

 

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio