L’idea che abbiamo del padrone

L’idea che abbiamo del padrone

Sabato XX Settimana del Tempo Ordinario
1Cor 1.26-31     Salmo 32     Mt 25, 14-30

Nella vita spirituale capita a volte di “giocare al ribasso”, di fare lo stretto indispensabile, senza creatività e senza slancio verso Dio. Perché l’ultimo servo non riesce a far fruttare questo talento, che è un dono molto grande? Perché non libera la sua creatività e non si lancia ad investire in qualche modo ciò che il padrone con fiducia gli ha affidato? Lo capiamo dalle sue stesse parole: “So che sei un uomo duro”. È difficile liberare amore, ingegno, creatività per svolgere un compito, se colui che ce lo affida è percepito come un tiranno esigente e senza scrupoli. È difficile entusiasmarci ad un progetto se, per chi ce lo propone, noi non nutriamo sentimenti di fiducia. Con la vita spirituale è la stessa cosa: se la relazione con il Signore Gesù è bella, profonda e piena di fiducia, questo ci permette di sprigionare tutte le nostre energie fisiche e mentali, tutta la nostra intelligenza, ingegno, creatività. Allora i talenti, che lui sceglie generosamente di mettere nelle nostre mani, possano portare un frutto straordinario.

Padre, tu ci hai dato tutto, ci hai amato tanto da dare a noi il tuo unico Figlio! 

Dalle Ammonizioni [FF 165]
Veramente puri di cuore sono coloro che disdegnano le cose terrene e cercano le cose celesti, e non cessano mai di adorare e vedere il Signore Dio, vivo e vero, con cuore e animo puro.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio