Legame che interroga

Venerdì XXV Settimana del Tempo Ordinario
Quèlet 3,1-11           Sal 143          Lc 9,18-22

“Ma voi chi dite che io sia?”: una domanda che Gesù pone ai suoi discepoli dopo aver pregato. Silenzio, solitudine, preghiera, i luoghi per chiarire la propria identità profonda. Dalla domanda che Gesù pone, dipenderà tutto per i discepoli, la loro fede, le loro scelte. Gesù vuole comprendere che cuore hanno i discepoli nei suoi confronti. La loro riposta deve avere qualcosa in più rispetto a chi non vede in lui il Salvatore, il senso e la pienezza della vita.
Chi sono per te? Ogni giorno, anche a livello di relazioni umane, ci viene posta questa domanda. Quale posto hanno le persone, ma soprattutto il Signore, nella mia vita e più concretamente nella mia giornata? Quanto cuore mi prende? Il Signore non si impone, non ci ingabbia ma, con la sua forza, la sua attrattiva, ci pone quel senso di sana inquietudine che spinge alla ricerca del suo volto! Anche per noi sono necessari la solitudine, il silenzio, la preghiera. Se davvero voglio capire chi è per me il Signore Gesù, che posto occupa nella mia vita e se sono disponibile alla passione, ad entrare nel mistero del dono della vita, così come lo propone Lui. Poiché Lui è l’unico che sa cosa vuol dire patire e risorgere a vita nuova!
Siamo riconoscenti a nostro Signore, e in silenzio adoriamolo con tutto il cuore per conoscerlo sempre più!

Signore Gesù, donaci di saper riconoscere il tempo in cui ci cerchi, per poterti incontrare e riconoscere come il Cristo!

Dalle Laudi e Preghiere [FF261]
Tu sei santo, Signore solo Dio, che compi meraviglie. Tu sei forte, Tu sei grande, Tu sei altissimo, Tu sei onnipotente, Tu, Padre santo, re del cielo e della terra. Tu sei trino ed uno, Signore Dio degli dèi, Tu sei il bene, ogni bene, il sommo bene, Signore Dio vivo e vero…

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio