Buono per me e per gli altri

Buono per me e per gli altri

Giovedì XXIII Settimana del Tempo Ordinario
1Cor 8,1b-7.11-13     Sal 138       Lc 6,27-38
San Giovanni Crisostomo, Vescovo e Dottore della Chiesa, Memoria

Essere conosciuti da Dio, amarlo, per poi poter fare agli altri ciò che vogliamo facciano a noi! La regola d’oro, per essere tale, ha bisogno dell’illuminazione dello Spirito Santo e deve essere piena dell’amore del Signore. Molte volte rischiamo di desiderare per noi, qualcosa che non è profondamente e spiritualmente buono… Perciò è rischioso fare agli altri qualcosa, adottando le nostre idee ed immagini di bene. Dobbiamo conoscerci e amarci alla luce del Signore, sotto la guida dello Spirito Santo per poter essere caritatevoli secondo il Vangelo, altrimenti rischiamo di fare anche del male. Quello che vogliamo fare agli altri deve essere già sperimentato come edificante per la nostra vita. Spesso le cose che ci fanno crescere non ci piacciono e allora, anche verso gli altri, adottiamo pensieri e azioni a buon mercato, che risultano inefficaci e sterili. Chiamati a crescere nell’amare, chiediamo al Signore una buona dose di attenzione, libertà e gratuità verso noi stessi e i fratelli.

Signore, ti chiediamo di avere un cuore secondo il Tuo cuore.

Dalle Ammonizioni [FF 167-168]
Beato l’uomo che offre un sostegno al suo prossimo per la sua fragilità, in quelle cose in cui vorrebbe essere sostenuto da lui, se si trovasse in un caso simile. Beato il servo che restituisce tutti i suoi beni al Signore Iddio, perché chi riterrà qualche cosa per sé, nasconde dentro di sé il denaro del Signore suo Dio, e gli sarà tolto ciò che credeva di possedere.

 

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio