Ma è vero che i frati sono tutti vecchi? LUOGHI COMUNI #5

Header

loghetto5

 

“Ehi, vecchio a chi? Io non ha neanche 30 anni!”.

Non ho mai avuto l’occasione di rispondere così, purtroppo.
Di solito infatti la domanda arriva al contrario:
“ah, sei un frate? Così giovane???”.

Eh sì, come se i frati nascessero già vecchi…

Ok, però è inutile nascondercelo: questo non è propriamente un “luogo comune”, mi sa che in un certo senso è la pura realtà. O almeno, lo è qui da noi, in Italia…

 

Cioè, non è che siamo proprio tutti vecchi, però è vero che l’età media è piuttosto alta. Volete dei numeri? Per esempio, da noi frati francescani Conventuali del Nord d’Italia, i frati sotto i 50 anni sono circa 45, mentre quelli over50 sono addirittura 250… Però è vero anche che in altre parti del mondo la situazione è totalmente rovesciata.

01

Allora, cosa ne direbbe Francesco d’Assisi di questa situazione? Di solito in questi post eravamo abituati a partire dalla sua esperienza per raccontare qualcosa di noi, ma stavolta è proprio impossibile: all’inizio, ai suoi tempi, ovviamente i frati erano tutti giovani e scattanti, o comunque c’era un tale boom di ingressi, che la questione non si poneva proprio (senza contare che arrivare a 50 anni era già un traguardo!).

Allora si potrebbe dire che noi, oggi, siamo di fronte a una nuova sfida, una sfida generazionale. Sentite cosa ne pensa Papa Francesco:

«Gli anziani ricevono dai giovani, i giovani attingono dagli anziani, in loro trovano le radici della fede, perché la fede non è una nozione da imparare su un libro, ma l’arte di vivere con Dio, che si apprende dall’esperienza di chi ci ha preceduto nel cammino. Così i giovani, incontrando gli anziani, trovano sé stessi. In quell’incontro i giovani vedono la loro missione e gli anziani realizzano i loro sogni. Perché se i giovani sono chiamati ad aprire nuove porte, gli anziani hanno le chiavi. E la giovinezza sta nell’andare alle radici, ascoltando gli anziani. Non c’è avvenire senza questo incontro tra anziani e giovani; non c’è crescita senza radici e non c’è fioritura senza germogli nuovi. Mai profezia senza memoria, mai memoria senza profezia; e sempre incontrarsi» [cf. Omelia di Papa Francesco, 2 febbraio 2018].

02

Incontrarsi forse è la parola chiave. La nostra vita di fraternità, infondo, è davvero un piccolo miracolo per questo: uomini di ogni età che vivono fianco a fianco ogni santo giorno, che si siedono a tavola insieme, chiacchierando di sport, politica, teologia, barzellette, tutto insieme… dove un ragazzo di 22 anni può scherzare con un anziano di 93…

Sì, non è certo facile, soprattutto quando si tratta di fare delle scelte insieme: la maniera di vedere il mondo e la vita talvolta è davvero agli antipodi! Eppure si tratta di ripartire ogni giorno, sopportandosi e imparando a volersi bene.

Io finora sono sempre stato uno dei più giovani della comunità. Posso dire per esperienza che davvero la saggezza di chi ha già camminato per tanti anni su questa strada è un frutto da imparare a gustare pian piano! E d’altra parte è prezioso l’entusiasmo e l’energia che un frate anziano ritrova nei suoi fratelli più piccoli: “Mi dà speranza vedervi, mi fa bene!” mi ha confidato una volta un mio confratello ultra ottantenne.

Ireneofoto

Infondo, allora si tratta semplicemente di accogliere il dono che siamo gli uni per gli altri, senza pretendere di tenere tutti lo stesso passo, avendo anche il coraggio di rispettarsi e aspettarsi a vicenda.

È quello che fanno Pietro e Giovanni la mattina di Pasqua: certo il più giovane corre avanti, ma poi attende l’altro per lasciarlo entrare per primo…

«Pietro uscì insieme [a Giovanni] e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò. Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro […]. Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette». [Gv 20,3-8]

Forse si può “vedere e credere” solo così, solo stando insieme, giovani e vecchi, “radici e germogli” come dice papa Francesco.

03

Guarda i nostri video promo su Youtube! 

Guarda gli altri “Luoghi comuni sui frati”! 

 …to be continued!

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Giovani Frati
ARTICOLO DI: Giovani Frati

“Siamo un gruppo di 23 GIOVANI FRATI Francescani Conventuali impegnati nella formazione iniziale, fra lo studio della teologia e le prime esperienze missionarie (in parrocchia, nella Basilica di s. Antonio, in ospedale, in carcere, e in altre realtà sociali). Abbiamo dai 22 ai 47 anni e arriviamo da diverse zone dell’Italia (Triveneto, Emilia-Romagna, Lombardia…), dell’Europa (Francia, Malta, San Marino, Romania, Ungheria) e del Mondo (Ghana, Burundi e Indonesia) e viviamo nel Convento Sant'Antonio Dottore, in via San Massimo, a Padova.”

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio