La spada della Sua Parola

Lunedì XIV Settimana del Tempo Ordinario
Is 1,10-17   Sal 49   Mt 10,34-11,1

«La parola di Dio è viva, efficace e più tagliente di ogni spada a doppio taglio» (Eb 4,12). Gesù è un Messia di pace che annuncia un messaggio di pace, ma conosce anche la durezza del cuore umano e sa che non tutti sono disposti ad accoglierlo. Così la parola del Vangelo è un messaggio che divide: una quotidianità senza incertezze, senza alcun turbamento, senza imprevisti o difficoltà, non è la quotidianità di chi è discepolo di Gesù.
La Parola viene a turbare le comode abitudini e le false sicurezze, rompe la pace fondata sull’indifferenza e ci chiama a compiere scelte anche difficili. C’è un “perdere la vita” al quale dobbiamo riconoscerci tutti chiamati: rinnegare e lasciare che la Parola ci separi da tutto ciò che in noi è di ostacolo perché attaccato solo a se stessi e non aperto ad accogliere l’altro e a dare la vita.
Lasciamoci ferire da questa Parola che taglia e che ci può rendere davvero “piccoli”: discepoli che non perderanno la loro ricompensa.

O Padre che scruti i sentimenti e i pensieri dell’uomo, penetra nei nostri cuori con la spada della tua parola, perché alla luce della tua sapienza possiamo valutare le cose terrene ed eterne, e diventare liberi e poveri per il tuo regno.

Dalla Leggenda maggiore di San Bonaventura [FF 1035-1036]
Mentre, un giorno, pregava, così isolato dal mondo, ed era tutto assorto in Dio, nell’eccesso del suo fervore, gli apparve Cristo Gesù, come uno confitto in croce […] L’uomo di Dio comprese che, per mezzo di questa visione, Dio rivolgeva a lui quella massima del Vangelo: Se vuoi venire dietro a me, rinnega te stesso, prendi la tua croce e seguimi. Da allora si rivestì dello spirito di povertà, d’un intimo sentimento d’umiltà e di pietà profonda. Mentre prima aborriva non solo la compagnia dei lebbrosi, ma perfino il vederli da lontano, ora, a causa di Cristo crocifisso, che, secondo le parole del profeta, ha assunto l’aspetto spregevole di un lebbroso, li serviva con umiltà e gentilezza, nell’intento di raggiungere il pieno disprezzo di se stesso.

 

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio