Domenica 15 luglio 2018, XVª TEMPO ORDINARIO

Domenica 15 luglio 2018, XVª TEMPO ORDINARIO

Dal Vangelo

Marco 6,7-13
In quel tempo, Gesù chiamò a sé i Dodici e prese a mandarli a due a due e dava loro potere sugli spiriti impuri. E ordinò loro di non prendere per il viaggio nient’altro che un bastone: né pane, né sacca, né denaro nella cintura; ma di calzare sandali e di non portare due tuniche. E diceva loro: «Dovunque entriate in una casa, rimanetevi finché non sarete partiti di lì. Se in qualche luogo non vi accogliessero e non vi ascoltassero, andatevene e scuotete la polvere sotto i vostri piedi come testimonianza per loro». Ed essi, partiti, proclamarono che la gente si convertisse, scacciavano molti demòni, ungevano con olio molti infermi e li guarivano.

Dalle Fonti

2 Celano 220: FF 815
Il vescovo di Assisi in quel tempo era andato in pellegrinaggio alla chiesa di San Michele. Mentre nel ritorno si era fermato a Benevento, gli apparve Francesco, nella notte del suo trapasso, e gli disse: «Ecco, Padre, lascio il mondo e vado a Cristo» (Cfr Gv 16,28). Al mattino svegliatosi, il vescovo narrò ai compagni la visione e, chiamato un notaio, fece segnare il giorno e l’ora del transito. Ne fu molto rattristato e pianse per il dolore di avere perduto il migliore dei padri. Ritornato poi alla sua terra (Cfr Sal 145,4), raccontò ogni cosa e ringraziò senza fine il Signore per i suoi doni.

Alla vita

Nessuno può camminare da solo, i consacrati diocesani hanno la loro comunità e il vescovo, i religiosi hanno la loro comunità di riferimento, i fedeli laici hanno la propria famiglia, la parrocchia, i movimenti, le associazioni, noi sposi, in particolare, abbiamo nostra moglie o nostro marito. La fede non è cosa per il singolo individuo, si deve essere almeno in due per poter portare Cristo. ll rischio dell’autoreferenzialità sarebbe quello della fede fai da te, di prendere una tangente che non è ciò che il Padre desidera, essere riferimenti fuori asse per chi incontriamo. Cristo è l’unico maestro ma ciascuno di noi può essere per il fratello supporto, riferimento, specchio, mezzo per intercedere al Signore. Gesù manda i suoi discepoli a due a due e dà a loro un potere, una forza che non è propria di chi viene inviato ma dell’inviante, una forza che non deriva dal mondo, dal possesso, anzi è necessario liberarsi del superfluo per poterla trattenere, è il potere sugli spiriti impuri. Ciò che il Signore ci dona è che insieme ai nostri fratelli possiamo guarire il cuore degli uomini dal peccato, da ciò che ci impedisce di arrivare alla meta, di avvicinarsi alla bellezza di una vita piena perché riempita dalla presenza di Cristo. Camminiamo assieme alla nostra comunità di riferimento per convertire le vite, per scacciare i demoni che abitano le nostre vite, per dare sollievo a chi soffre, per guarire il cuore.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Momenti Francescani
ARTICOLO DI: Momenti Francescani

“Momenti Francescani: La Parola nella Parole E’ la prima testata periodica edita in Italia a proporre la lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un brano delle Fonti Francescane e ad una breve attualizzazione. Perché la scelta di questo format editoriale? Il Vangelo non per particolari motivazioni liturgiche, ma per seguire una pagina del “Breviario/evangeliario” di San Francesco in cui Frate Leone annotava come il santo avesse una particolare predilezione per questa lettura quotidiana. E le Fonti? Grande tesoro ancora a molti sconosciuto, oggi rappresentano un valido strumento per la conoscenza della figura storica, “psicologica” e spirituale di S. Francesco, oltre che della vita delle prime comunità francescane. Per l’uomo contemporaneo rappresentano ancora una finestra che permetta un respiro più ampio e una risposta alle sue istanze. Viene anche proposta un’attualizzazione per ogni giorno, concepita come cuneo capace di scardinare le posizioni del cuore dell’uomo odierno a volte indurito e “zoppicante.” L’opera si rivolge agli appartenenti all’Ordine Francescano Secolare d’Italia, ai membri dell’intera Famiglia Francescana, e a tutti coloro che sono attirati dalla ricchezza e dalla profondità del Vangelo e della spiritualità francescana. Momenti Francescani è edita dalla Cooperativa sociale francescana di multiservizi Fratelli è possibile – F. è P. è nata nel 2006 dall’ispirazione di tutta la Fraternità dell’Ordine Francescano Secolare di Cesena come emanazione sociale legata alla propria intrinseca vocazione.”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio