…perché forte è il suo amore per noi

Lunedì  IX Settimana di Pasqua
2Pt 1,2-7   Sal 90   Mc 12,1-12

All’inizio della parabola, è evidente un attento lavoro di preparazione da parte del padrone: c’è una siepe, una buca, un torchio, una torre, tutti segni di una cura amorevole per la sua vigna, che ora è sicura, pronta e attrezzata per dare i frutti migliori. Nel seguito della vicenda, poi, il padrone rifiutato manifesta una forte ostinazione. Sì, c’è ostinazione nel voler tornare a prendere possesso di ciò che da sempre è suo: la vigna tanto curata e amata, da cui vuole, con ragione, raccogliere i frutti. E’ un ostinazione giusta, dettata da un amore forte e tenace. Quest’uomo non si lascia intimorire  dall’ostilità dei contadini, ma tenta e ritenta, fino a mettere in gioco tutto quello che può, fino a correre il rischio più grande: la vita del figlio amato.
Un amore così forte e perseverante pensiamolo rivolto anche alla nostra vita. Anche nei miei confronti il Signore non si arrende, verso il mio cammino, verso le mie cadute e povertà, tenta e ritenta con pazienza. Desidera fortemente raccogliere i frutti del suo amore, da sempre riversato nei nostri cuori. Il nostro Dio, ostinato nell’amore, non si scoraggia e non si ferma, ma è continuamente disposto a ricominciare insieme a me.

Il tuo amore paziente per noi, o Padre, sia la nostra consolazione più grande e il motivo per rinnovare con forza il nostro “sì”.

Dalle Orazione sul «Padre nostro»  [FF 268]
Sia santificato il tuo nome: si faccia luminosa in noi la conoscenza di te, affinché possiamo conoscere l’ampiezza dei tuoi benefici, l’estensione delle tue promesse, la sublimità della tua maestà e la profondità dei tuoi giudizi.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio