Incorreggibile miopia

Lunedì XII Settimana del Tempo Ordinario
2Re 17, 5-8.13-15a.18     Sal 59   Mt 7,1-5

Gesù ci ricorda i rischi che corriamo continuamente a causa della nostra umana fragilità e della nostra incorreggibile miopia. È proprio vero: molto spesso l’attenzione alla pagliuzza nell’occhio altrui estingue o, quanto meno, rinvia la fatica che comporta affrontare le proprie travi. Spesso ci si sente molto bravi mentre si parla dei peccati altrui. Ma Gesù ci riaccompagna, teneramente ma con fermezza, dentro noi stessi e dentro la nostra coscienza. Non a caso usa il segno della trave, per ricordarci ciò che ci appartiene: qualcosa di grande che, oltre a pesare enormemente, ostacola la visuale, impedisce di leggere limpidamente, nella verità e nella carità, le cose, le relazioni, le persone, le situazioni attorno a noi.
Cos’è questa trave? È la mancanza d’amore, è il crederci migliori degli altri, è l’arrogante pretesa di sapere tutto, è il formulare giudizi spesso spietati. Chiediamo oggi al Signore uno sguardo limpido e umile, che sia un po’ più intransigente con noi stessi e un po’ più clemente con i fratelli.

Padre santo, rendici perfetti nell’amore, perché il mondo creda in colui che tu hai mandato, Gesù Cristo nostro Signore.

Dalla Regola non bollata [FF 37]
E tutti i frati non mormorino, non calunnino gli altri, poiché è scritto: ”i sussurroni e i detrattori sono in odio a Dio” [...] E non giudichino, non condannino; e come dice il Signore, non guardino ai più piccoli peccati degli altri, ma pensino piuttosto ai propri nell’amarezza della loro anima.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio