Beati coloro che ascoltano

Beati coloro che ascoltano

Mercoledì VI Settimana di Pasqua
At 17,15.22-18,1    Sal 148    Gv 16,12-17

C’è una perfetta reciprocità, una comunione profonda che unisce il Padre, il Figlio e lo Spirito: il Padre comunica al Figlio “tutto quello che ha”, il Figlio lo trasmesse allo Spirito perché Egli lo prenda e lo annunci a noi. Essere guidati a tutta la verità è entrare in questa comunione, un amore così grande che non siamo capaci di “sostenerne il peso”, non siamo capaci di comprenderlo fino in fondo. Questo nostro limite non è però di ostacolo se abbiamo il coraggio di essere umili, di abbandonare ciò che riteniamo di sapere e capire e ci mettiamo in ascolto. Questo è il primo insegnamento che ci da lo Spirito, Lui che “non parla da sé stesso ma dice tutto ciò che ha udito”, ci insegna che la prima cosa da fare è rimanere in ascolto. Lasciamo che sia il Signore a decidere i modi e i tempi per farci comprendere ciò che già ci ha rivelato ma non siamo ancora in grado di accogliere, creiamo spazi di silenzio perché in ogni situazione della nostra quotidianità lo Spirito possa guidarci a cercare, riconoscere e accogliere la presenza del Signore in mezzo a noi.

Donaci,o Signore, un cuore che ascolta

Dalla Vita Seconda di Tommaso da Celano [FF 681]
Trascorreva tutto il suo tempo in santo raccoglimento per imprimere nel cuore la sapienza; temeva di tornare indietro se non progrediva sempre […]. Cercava sempre un luogo appartato dove potersi unire, non solo con lo spirito, ma con le singole membra al suo Dio. E se all’improvviso si sentiva visitato dal Signore, per non rimanere senza cella, se ne faceva una piccola con il mantello. E se a volte era privo di questo, ricopriva il volto con la manica per non svelare la manna nascosta […]. Infine, se non gli era possibile niente di tutto questo, faceva un tempio del suo petto.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio