Potente è il suo amore per noi

Potente è il suo amore per noi

Venerdì III Settimana di Pasqua
At 9,1-20   Sal 116   Gv 6,52-59

Oggi ancora la Parola ci invita a considerare la potenza della risurrezione e a contemplare il desiderio di Dio di donare se stesso. Ieri abbiamo ascoltato come Gesù abbia detto di se stesso: “io sono il pane vivo disceso dal cielo”. I figli di Israele conoscevano questo linguaggio e le opere di Dio impensabili e inimmaginabili per ogni mente creata: la roccia dona acqua, il mare diviene terra asciutta, una valle piena di ossa si trasforma in umanità nuova… Oggi dice che occorre mangiare la sua carne e bere il suo sangue per avere la vita. Ma questo è “troppo” per chi lo ascolta. E, di fronte  all’incredulità e allo sgomento, Gesù insiste sul realismo delle sue parole e sulla necessità della fede e della comunione con lui. Sant’Efrem dice: “Fu ben potente il figlio del falegname che trasferì il genere umano nella casa della vita” perché “chi mangia la mia carne e beve il mio sangue dimora in me ed io in lui”. È la vita nuova, la stessa donata a Saulo, annunciatore instancabile di Gesù, figlio di Dio, della sua potenza che si manifesta nella nostra debolezza; è la vita eterna promessa dal Padre ai figli che si nutrono di Gesù.

O Padre, questo tempo pasquale faccia rifiorire in noi la gioia di poterci nutrire di Cristo tuo Figlio e la volontà di vivere per Lui.

Dalle Ammonizioni [FF 143]
Lo Spirito del Signore, che abita nei suoi fedeli, è lui che riceve il santissimo corpo e il sangue del Signore. Tutti gli altri, che non partecipano dello stesso Spirito e presumono ricevere il santissimo corpo e sangue del Signore, mangiano e bevono la loro condanna. Perciò: Figli degli uomini, fino a quando sarete duri di cuore? Perché non conoscete la verità e non credete nel Figlio di Dio?

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio