Il pastore e la porta

Lunedì  IV Settimana di Pasqua
At 11,1-18     Sal 41    Gv 10,1-10

Oggi Gesù ci dice di essere il pastore buono, che ama le sue pecore e se ne prende cura con amore: è il riferimento certo che accudisce le sue pecore, con forza e tenerezza le difende dal pericolo. Il pastore cammina davanti alle pecore e si preoccupa che abbiano nutrimento, le chiama ciascuna per nome perché la sua voce è unica per ognuna. Quella del pastore è una descrizione che rievoca una presenza materna, dallo sguardo attento e pieno di cura e la confidenza amorevole.
Ma poco dopo Gesù si definisce anche la porta, cioè colui attraverso il quale possiamo entrare e uscire, un limite stabile, saldo. La porta, come un padre forte e attento, è la soglia che definisce il passaggio tra l’appartenenza e la libertà. Attraverso di essa entriamo nella casa a cui apparteniamo, ma ne usciamo per crescere e diventare adulti. Come una porta stabile e sicura, ma anche come un pastore premuroso e materno, cioè un po’ padre e anche un po’ madre, il Signore veglia continuamente su di noi, perché possiamo crescere nella fede come persone adulte, e donare anche noi la vita, con cuore libero e fiducioso.

“Rendete grazie al Signore perché è buono, perché il suo amore è per sempre!”

Dalla Vita seconda di Tommaso da Celano [FF 763]
Francesco soleva dire che è dovere del superiore, padre e non tiranno, prevenire l’occasione della colpa e non permettere che cada chi poi difficilmente potrebbe rialzarsi, una volta caduto. Oh quanto è degna di compassione la nostra stoltezza! […] Giudichiamo di nessuna importanza sottrarre al sommo Pastore una pecorella, per la quale il Signore sulla croce gettò un forte grido con lacrime.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio