Come vivo la fede?

Come vivo la fede?

Giovedì II Settimana di Pasqua
At 5,27-33       Sal 33       Gv 3,31-36

Giovanni Battista è voce di Gesù, è voce di gioia perché è contento che il Messia sia seguito! Giovanni lascia il posto, diminuisce, esce quasi di scena perché ha compiuto la sua missione e perché conosce bene la vicinanza e la distanza che c’è tra lui e il Suo Signore: “Lui deve crescere e io diminuire”, afferma. Giovanni ci insegna che questo è il programma del discepolo. Dobbiamo diminuire, divenire poveri, lasciare la gloria terrena, per cogliere il significato profondo degli eventi, della Parola, delle cose che riguardano il Signore e così servirlo nella gioia.
Giovanni ci dice anche che Gesù è l’atteso da sempre perché “Colui che Dio ha mandato dice le parole di Dio: senza misura egli dà lo Spirito”. Gli Apostoli, dopo la resurrezione, hanno ben capito questo e lo annunciano davanti al Sinedrio. Obbediscono a Dio sapendo che verrà loro dato lo Spirito perché sono testimoni e proprio perché vivono nell’obbedienza. Chi accetta Gesù e crede in Lui ha la vita eterna; chi non Lo accetta e non crede in Lui, sceglie di escludersi da solo da questo dono.

Signore Gesù, il tuo Amore sia la nostra sola gioia!

Da Sacrum Commercium [FF 1972]
Mentre con passo assai leggero si affrettavano verso la sommità del monte, ecco che madonna Povertà, stando sulla cima, volse lo sguardo lungo i pendii della montagna. E vedendo quegli uomini salire, anzi volare, con tanto vigore, si meravigliò fortemente e disse: «Chi sono costoro che volano come nubi, e come colombe verso il loro nido? Da lungo tempo non ho visto nessuno come loro, né ho ammirato altri così spediti, per essersi scrollati di dosso ogni peso».

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio