Chi credi di essere?

Giovedì V Settimana di Quaresima
Gen 17,3-9    Sal 104   Gv 8,51-59

Gesù crede fermamente in ciò che è, per questo mette in discussione le convinzioni dei giudei, le loro idee sulla vita e sulla morte, sulla conoscenza e sulla gloria. Questo dialogo è un crescendo di toni e di provocazioni, fino a quando la loro ira scoppia e tentano di fermare Gesù e toglierli la vita.
Chi ti credi di essere? Gesù ha ben presente chi è, ed è bella la sua determinazione nel rivelarlo: parla di se stesso in relazione al Padre suo, che conosce, di cui osserva la parola e da cui è glorificato e amato. L’amore di predilezione del Padre lo fa esistere, certo di essere figlio, lo rende forte e capace di donare la vita per noi. Anche noi capiamo chi siamo veramente e diveniamo più forti quando capiamo chi siamo per il Padre: figli amati e fratelli tra noi.

Insegnaci, Signore Gesù, a lasciarci provocare dalle tue parole, in un dialogo che cresce giorno dopo giorno, per imparare a conoscere sempre più l’amore del Padre, a saperci anche noi figlie e figli teneramente amati.

Dalla Lettera ai Fedeli [FF 200]
E tutti quelli e quelle che continueranno a fare tali cose e persevereranno in esse sino alla fine, riposerà su di essi lo Spirito del Signore, ed egli porrà in loro la sua abitazione e dimora. E saranno figli del Padre celeste, di cui fanno le opere, e sono sposi, fratelli e madri del Signore nostro Gesù Cristo.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio